Intervista esclusiva all’ex consigliere regionale Mario Conca, candidato sindaco di Gravina di Puglia. Ucraina: Una guerra di propaganda?

98 Visite

Dr. Conca buonasera, dicono che l’invasione armata della Russia sul territorio Ucraina sia una guerra di propaganda, Lei crede che sia così?

 

Buonasera. L’America e la Nato, da molti anni, forniscono armi e truppe all’Ucraina, con le quali l’esercito ucraino e i mercenari hanno già ucciso 14000 ucraini del Donbass, Aspetti questa è una notizia bomba, quali sono le sue fonti? Le mie fonti sono quelle da cui attingono tutti: i notiziari non di parte. In Occidente, fino a qualche giorno fa, nessuna marcia, nessuna bandiera esposta e nessuna presa di posizione contro la carneficina fratricida in atto. Per questo motivo il presidente Ucraino continua a pretendere armi e soldati dagli americani e dalla Nato, che sono sempre loro, perché li avevano sempre equipaggiati, così come gli Usa fanno in tante parti di mondo da molti decenni. Quindi concorda che è più una guerra di propaganda tesa a nascondere volutamente altri interessi? Comprendo che la stragrande maggioranza degli italiani non ne sapesse nulla della guerra del Donbass perché solo ora il mainstream, TV e di giornaloni, hanno deciso che dovevano essere resi edotti e, così, dalla mattina alla notte approfondiscono, vivisezionano e continuano a non dire che c’era una guerra finanziata dalla Nato, a cui l’Italia ha dato recentemente 7 miliardi, ma soprattutto non dicono nulla della geopolitica sottesa agli eventi di guerra che sono sempre da scongiurare. Facciamo un passo indietro Conca, anche questa è una notizia interessante, in quanti anni sono stati dati questa montagna di soldi all’Ucraina e come vengono giustificate queste gigantesche uscite? Stiamo parlando di una mini legge finanziaria?  Basta guardare le spese militari e gli approvvigionamenti ai militari nel bilancio dello Stato Italiano, tra l’altro le spese militari sono concordate a livello della Nato e dunque se il presidente Ucraino e pro-nato allora i fondi ci sono.  Dunque la guerra è necessaria?Per carità, lungi da me il fatto di difendere chi procura guerre e morti, ma è importante comprendere i fatti passati e se non si è sufficientemente informati, evitare di lasciarsi trasportare da una narrazione monotona e volutamente autoreferenziale. Lei ritiene Putin un furbacchione ma al soldo degli americani? Lo zar rimarrà uno zar, le verità storiche rimarranno verità. A chi si meraviglia della ridicolaggine di questo premier, dico semplicemente che se non fosse stato un fesso, gli americani, non gli avrebbero mai permesso di arrivare al potere 8 anni fa per poi poterlo manovrare agevolmente, foraggiandolo e sostenendolo, per assecondare le loro mire egemoniche nascoste dietro il nemico pubblico di turno. Questa è storia contemporanea, nulla di più, le considerazioni personali le tengo per me. Qual è secondo Lei il primo cambiamento a cui ha assistito nel momento in cui la Russia ha invaso l’Ucraina? Ovviamente, e improvvisamente, è sparita pure l’emergenza sanitaria, così come era già successo nelle due settimane per le le elezioni del Presidente della Repubblica e per la settimana di Sanremo. Non vi fate pigliare per il deretano! Gira voce che si candiderà alla poltrona di sindaco per la sua splendida città, Gravina di Puglia? Ci dica si o no!SI.

 

Ringrazio l’ex consigliere regionale Mario Conca e ….auguri per la sua prossima battaglia politica.

 

Grazie a voi.

 

Franco Marella

Promo