Guerra Ucraina-Russia, Zelensky: “Da negoziati nessun risultato”

92 Visite

Dopo il primo round di negoziati tra Ucraina e Russia a guerra in corso, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che finora “non c’è alcun risultato” tra quelli che Kiev vorrebbe raggiungere. Lo riporta la Tass dopo le parole del presidente in un video. “I colloqui hanno avuto luogo mentre il nostro territorio veniva bombardato e bombardato”, ha detto Zelensky, spiegando che “la Russia sta cercando di fare pressione“, ma “noi non accettiamo tali tattiche”.

“Ci possono essere negoziati leali se una parte non colpisce l’altra con l’artiglieria durante la trattativa. Finora non abbiamo raggiunto il risultato che vorremmo ottenere. La Russia ha chiarito la sua posizione, noi abbiamo illustrato le nostre posizioni per porre fine alla guerra. Abbiamo ricevuto alcuni segnali. Quando la delegazione tornerà a Kiev, analizzeremo cosa abbiamo ascoltato e decideremo come procedere nel secondo round dei colloqui”, ha sottolineato Zelensky.

“Uno Stato che commette crimini di guerra contro civili non può essere membro del Consiglio di sicurezza dell’Onu”, ha poi detto secondo quanto riporta The Kyiv Independent. “Il male armato di missili, bombe, artiglieria deve essere fermato immediatamente, distrutto economicamente. Dobbiamo dimostrare che l’umanità sa difendersi”, ha aggiunto.

Secondo Zelensky, la Russia ha condotto 56 attacchi missilistici contro l’Ucraina negli ultimi 5 giorni e ha lanciato 113 missili da crociera dall’inizio del conflitto. Per rispondere ai “bombardamenti”, Zelensky ha affermato che è giunto il momento di considerare una no-fly zone per missili, aerei ed elicotteri russi.

Il bombardamento della città di Kharkiv da parte delle forze russe è stato un crimine di guerra perché aveva civili come bersaglio, ha quindi affermato il presidente ucraino nel chiedere la no-fly zone. “Dozzine di testimonianze oculari” hanno indicato che si trattava di un attacco mirato a una zona residenziale senza strutture militari, ha detto Zelensky, secondo il notiziario New Voice of Ukraine. “I russi sapevano dove stavano sparando”, ha detto.

IL NEGOZIATO

I colloqui si sono tenuti lunedì nella “Casa del pescatore” sulla riva del fiume Pripyat, iniziati poco dopo le 12, ora italiana, sono terminati quasi cinque ore e mezza dopo. Si tratta del primo tentativo di dialogo dall’inizio della guerra innescata dall’invasione ordinata dal presidente russo Vladimir Putin.

“Abbiamo trovato un punto di contatto sui quali costruire una posizione comune” ha detto il capo della delegazione russa, Vladimir Medinsky. “La cosa più importante è che abbiamo concordato di continuare il processo negoziale e il prossimo incontro avverrà nei prossimi giorni al confine polacco-bielorusso. C’è un accordo”. A far parte della rappresentanza del Cremlino anche esponenti del ministero della Difesa e del ministero degli Esteri, nonché della Duma.

“I colloqui con la parte ucraina sono durati circa cinque ore. Abbiamo discusso in dettaglio tutti i temi in agenda e trovato alcuni punti in comune su cui prevediamo che possano essere trovate posizioni comuni”, ha detto Medinsky, a cominciare dal fatto che i negoziati continuino. E continueranno “nei prossimi giorni al confine tra Polonia e Bielorussa, c’è un accordo su questo”, ha riferito il capo della delegazione russa, secondo cui “fino ad allora ogni delegazione si consulterà con la leadership del proprio paese sulle proprie posizioni negoziali”.

Dal canto suo, il consigliere della presidenza ucraina, Mikhail Podolyak, ha confermato che “le due parti hanno identificato un certo numero di temi prioritari su cui sono state indicate alcune decisioni. Perché ci sia l’opportunità di attuarle le parti partiranno per consultazioni nelle loro rispettive capitali. La possibilità di un secondo round di consultazioni nel prossimo futuro è stata discussa e questi temi verranno sviluppati in modo pratico e concreto”.

“La delegazione ucraina è stata pronta ad ascoltare e a partecipare alla discussioni sull’essenza dei temi in agenda”, ha detto Leonid Slutsky, un altro membro della delegazione russa e capo della commissione Esteri della Duma.

Secondo quanto ha reso noto la presidenza ucraina, della delegazione hanno fatto parte il ministro della Difesa Oleksii Reznikov, il vice ministro degli Esteri, Mykola Tochytskyi, il consigliere del Presidente Podoliak, i deputati Davyd Arakhamia e Rustem Umerov, oltre che il rappresentante del Presidente per il Donbass Andryi Kostin.

Al termine dei colloqui che si sono svolti oggi in Bielorussia, gli inviati di Kiev e Mosca torneranno nelle rispettive capitali per ulteriori consultazioni prima del secondo round di colloqui.


Promo