Marco Zennaro in Italia, imprenditore era bloccato in Sudan da un anno

199 Visite

Marzo Zennaro, l’imprenditore veneto trattenuto in Sudan per quasi un anno, oggi è arrivato a Roma atterrando all’aeroporto di Fiumicino. Lo riferisce la Farnesina.

“Confermo la partenza di Marco dal Sudan”, aveva detto all’Adnkronos il papà Cristiano anticipando le news ufficiali. “Dopo 361 giorni finalmente l’incubo è finito – ha detto – Ringrazio mio figlio per essere sopravvissuto a quei 75 terribili e infernali giorni di detenzione. Ringrazio la famiglia per aver trovato in tempi brevi le risorse finanziarie per far cessare la detenzione”.

Zennaro esprime un ringraziamento anche nei confronti dei dipendenti dell’azienda “per aver portato avanti l’attività con grande senso di responsabilità pur in assenza del loro titolare. Il mio pensiero – ha aggiunto – va a quelle 50mila persone che hanno fatto sentire a Marco con manifestazioni sempre pacifiche l’affetto della comunità veneziana”.

Riguardo alla Farnesina aveva sottolineato: “Devo purtroppo denunciare il totale fallimento dell’istituzione italiana che incomprensibilmente non ha voluto risolvere un palese sequestro di persona a scopo di estorsione. Mi auguro che la Farnesina abbia il pudore di non rilasciare retorici comunicati perché se Marco è uscito da quell’inferno lo deve solo ed esclusivamente a sé stesso”. E al denaro raccolto da Unioncamere Veneto per pagare la cifra richiesta dal tribunale sudanese.

FARNESINA – Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, in missione in queste ore nella Repubblica del Congo, a quanto si apprende ha sentito telefonicamente Marco Zennaro. “Bentornato in Italia”, ha detto Di Maio a Zennaro.

Insieme al connazionale atterrato a Roma c’è anche il direttore generale per gli Italiani all’estero della Farnesina, Luigi Vignali, recatosi in questi giorni in Sudan.

A seguito della rimozione del divieto di espatrio deciso nei giorni scorsi dalle autorità sudanesi, dopo il superamento dell’imprevisto rinvio dei voli per il rientro, Marco Zennaro è in arrivo oggi in Italia con un volo da Khartoum che ha effettuato scalo a Istanbul, aveva comunicato la Farnesina.

Il connazionale, ospitato a partire dal 15 agosto scorso nella foresteria dell’Ambasciata a Khartoum, è accompagnato dal direttore generale per gli Italiani all’estero della Farnesina Luigi Maria Vignali che, su indicazione del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, si è recato nuovamente a Khartoum in questi giorni per seguire personalmente gli sviluppi finali della delicata controversia processuale.

L’ambasciatore a Khartoum, Gianluigi Vassallo, ha seguito fin dall’inizio la vicenda, assistendo costantemente il connazionale, anche attraverso una continua azione di sensibilizzazione sulle Autorità sudanesi, e mantenendo uno stretto contatto con la sua famiglia.

News dal Network

Promo