La Russia lancia missili ipersonici dall’aria e Kalibr dall’acqua. Colpita una base militare a Mykolaiv

74 Visite

 La Russia ha nuovamente lanciato missili ipersonici dallo spazio aereo della Crimea, che hanno colpito e distrutto un deposito di carburante e lubrificanti nel Sud dell’Ucraina ma ha anche sparato dei missili da crociera Kalibr dalla sua flotta nel Mar Caspio.

Inoltre, il ministero della Difesa ha comunicato di aver colpito con missili una base di soldati ucraini e mercenari stranieri che si trova nella regione di Zhytomyr, 160 chilometri a ovest della capitale Kiev, uccidendo un centinaio di militari e, ancora, che il fuoco dell’artiglieria ha colpito sei sistemi mobili ucraini per la “guerra elettronica”, Bukovel. Prosegue dunque, nella venticinquesima giornata di quella che Mosca chiama “operazione militare speciale”, l’offensiva della Russia in Ucraina, puntando sui missili.

Le informazioni della Difesa russa correggono in parte le valutazioni dell’intelligence del ministero della Difesa britannico, secondo il quale l’attenzione russa continua ad essere principalmente concentrata sulle città provocando vittime civili.

“Nelle ultime settimane – si legge nell’ultimo aggiornamento da Londra – le forze russe hanno fatto progressi limitati nella conquista di queste citta’; la Russia ha però aumentato i suoi bombardamenti indiscriminati delle aree urbane con l’effetto di estese distruzioni e un elevato numero di vittime civili”.

 

Promo