Adolescenti e social, l’impatto cambia con età e genere

75 Visite

L’impatto dei social media sul benessere mentale varia a seconda dell’età e del genere, con le ragazze che sperimentano gli effetti più negativi tra gli 11 e 13 anni, mentre le controparti maschili sembrano associate a più difficoltà tra i 14 e i 15 anni. Questi, in estrema sintesi, sono i risultati di uno studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, condotto dagli scienziati dell’Università di Cambridge, dell’Università di Oxford e del Donders Institute for Brain, Cognition and Behaviour.

In poco più di un decennio, osservano gli esperti, i social media hanno modificato radicalmente il modo in cui le persone trascorrono il tempo, condividono informazioni e intrattengono relazioni, il che ha portato a una sostanziale preoccupazione dei potenziali impatti negativi di queste piattaforme. Il team, guidato da Amy Orben, ha esaminato i dati relativi all’uso dei social media nel Regno Unito, per valutare la correlazione tra l’uso dei social media e il benessere degli utenti.

I ricercatori hanno considerato in totale più di 84 mila individui di età compresa tra 10 e 80 anni, selezionando 17.400 giovani tra i 10 e i 21 anni. Gli studiosi hanno individuato dei periodi dell’adolescenza in cui l’uso dei social media era significativamente legato a una diminuzione della soddisfazione della vita.

In particolare, questa associazione negativa per le ragazze sembrava accentuarsi tra gli 11 e i 13 anni. Per i giovani di genere maschile, invece, tale correlazione è stata osservata tra i 14 e i 15 anni. Queste differenze, sostengono gli esperti, suggeriscono che la sensibilità all’uso dei social potrebbe essere collegata a cambiamenti nello sviluppo, nella struttura del cervello, o alterazioni dovute alla pubertà, che negli uomini tende a giungere a un’età più avanzata. “Il legame tra uso dei social e benessere mentale è molto complesso – afferma Orben, dell’Università di Cambridge – i cambiamenti all’interno del nostro corpo potrebbero renderci particolarmente vulnerabili a determinati stimoli esterni.

Sarà necessario proseguire le ricerche per comprendere il modo in cui gli effetti derivanti dall’uso dei media siano influenzati da età, genere e alterazioni fisiologiche che si verificano nel corso della vita”. “I nostri risultati – aggiunge Sarah-Jayne Blakemore, collega e coautrice di Orben – mostrano che oltre all’impatto negativo dei social sul benessere mentale è necessario considerare anche il meccanismo inverso, per cui una minore soddisfazione della vita può portare a un maggiore utilizzo dei social media”. 

AGI

Promo