Draghi, il governo intende rispettare l’impegno con la Nato sulle spese militari

76 Visite

“Il Governo intende rispettare e ribadire con decisione gli impegni NATO sull’aumento delle spese militari al 2% del Pil”. Questo è quanto avrebbe detto il Presidente Draghi nel corso dell’incontro con Giuseppe Conte.

Non possono essere messi in discussione gli impegni assunti, in un momento così delicato alle porte dell’Europa. Se ciò avvenisse verrebbe meno il patto che tiene in piedi la maggioranza”. Questo il commento che filtra da Palazzo Chigi.

I piani concordati nel 2014, e seguiti dai vari governi che si sono succeduti, prevedono entro il 2024 un continuo progressivo aumento degli investimenti. Il bilancio della Difesa nel 2018 era sostanzialmente uguale al 2008. Nel 2018 si registravano circa 21 mld, nel 2021 24,6 miliardi (un aumento del 17 per cento): questi sono i dati del Ministero della difesa nei governi Conte.

Tra il 2021 e il 2022 il bilancio della difesa sale invece a 26 miliardi: un aumento del 5,6 per cento. Il Presidente del Consiglio si è recato dal Capo dello Stato per un aggiornamento sul tema degli investimenti militari.

AGI

Promo