Macron rieletto presidente della Francia

73 Visite

Con i riflettori del mondo e dei mercati puntati, la Francia ha scelto il suo 26esimo presidente della Repubblica. La sfida è fra l’attuale presidente in carica, Emmanuel Macron, e Marine Le Pen, come nell’edizione del 2017. Secondo tutti i sondaggi Macron dovrebbe vincere con un risultato che oscilla fra il 55 e il 57%, in un duello più serrato rispetto a 5 anni fa, quando il presidente-candidato trionfò con oltre il 66% dei consensi ottenuti.

Sono 48,7 milioni gli aventi diritto, cioè tutti i cittadini francesi dai 18 anni in su. Affluenza in calo alle ore 17. Secondo il ministero dell’Interno il tasso di partecipazione al ballottaggio è del 63,23% rispetto al 65% del primo turno alla stessa ora. La cifra è in calo anche rispetto al 2017 quando, al secondo turno alla stessa ora era del 65,3%.

Si conferma, quindi, un trend in calo rispetto al passato. In questo periodo le scuole sono in vacanza. Molte persone votano per delega. Per di più il maltempo, nelle regioni del Nord, potrebbe costringere molti a casa. In queste elezioni show il presidente Macron, e sua moglie Brigitte hanno votato contemporaneamente nel loro seggio a Le Touquet, nel nord della Francia.

All’uscita della sua abitazione e all’arrivo al seggio, Macron, accompagnato da Brigitte e circondato da decine di telecamere, si è concesso a centinaia di sostenitori che lo hanno salutato stringedogli la mano, abbracciandolo, baciandolo e scattando selfie accanto a lui. Due veri bagni di folla, come è stato per Le Pen poco prima (in entrambi i casi non si è vista l’ombra di una mascherina anti-Covid, segno che l’epidemia è ormai considerata alle spalle in Francia).

Il presidente-candidato ha poi pranzato in famiglia e nel pomeriggio è atteso a Parigi, all’Eliseo, per seguire i risultati dei primi exit poll.

 

 

 

In seguito andrà al Campo di Marte, uno dei luoghi simbolici della Rivoluzione che si trova ai piedi della Torre Eiffel e che è stato scelto per la sua serata elettorale. Nel 2017 avrebbe voluto festeggiare in questi giardini la sua vittoria, ma il Comune di Parigi non gli diede l’autorizzazione.

Marine Le Pen invece ha votato nel suo seggio elettorale di Henin-Beaumont, nel dipartimento del Pas-de-Calais, lo stesso di Macron. La candidata del Rassemblement National ha ottenuto oltre il 35% dei voti in queste terre al primo turno delle presidenziali: è il suo feudo.

Sotto il sole, è arrivata circondata dai giornalisti concedendosi anche lei ai suoi sostenitori, che l’hanno accolta con incoraggiamenti, baci e abbracci. La leader nazionalista ha pranzato poi con il sindaco di questa cittadina del nord della Francia, Steve Briois, e un altro amico deputato.

A quanto pare ha chiesto un pasto a base di formaggi, il suo cibo preferito. Anche Le Pen tornerà a Parigi e dopo un breve passaggio al quartier generale si recherà nella location decisa per la serata elettorale, nel sedicesimeno arrondissement della capitale, precisamente al Bois de Boulogne. In caso di vittoria, ha previsto una grande festa alla Place de la Concorde, perché, ha spiegato, “serve concordia nel nostro Paese”.

agi

Promo