UN’ALTRA VISIONE DEL MONDO

108 Visite

GLI USA ACCUSANO PUTIN DI DITTATURA, MA SONO LORO CHE POSSEGGONO UN INFERNO CHIAMATO GUANTANAMO
Guantanamo Bay è da vent’anni il buco nero dei diritti umani, dov’è vietato guardare, dove le regole non valgono mai, dove qualsiasi pratica è lecita per i carcerieri, anche la peggiore. Una prigione “offshore” installata dall’amministrazione Bush in un’enclave americana nell’isola di Cuba proprio per poter aggirare le leggi degli Stati Uniti. In quel “gulag dei nostri tempi” (la definizione è di Amnesty International) da vent’anni è ammesso di tutto: torture, soprusi, violenze, maltrattamenti, alimentazioni forzate e negate, trattamenti inumani e degradanti, interrogatori privi delle più elementari tutele per i detenuti. 

PER FAVORE PUTIN DISTINGUI TRA GOVERNO DRAGHI E GLI ITALIANI
Porta a Porta pubblica il sondaggio, realizzato da Euromedia Research: sull’invio di armi all’Ucraina il 50.4% degli italiani è contrario.
Il 
Tempo.it scrive: “Mario Draghi paciere solo a parole: pronto il terzo invio di armi all’Ucraina e prende tempo con il Parlamento”.
Gli invii degli armamenti non richiedono alcun passaggio parlamentare. Il governo ha già ottenuto il via libera a marzo con un voto a larga maggioranza. Fino al 31 dicembre potrà mandare a Kiev tutte le armi che vorrà.
Del resto siamo l’unica nazione al mondo che ha lo Stato di emergenza per la guerra di “altrove”, cosi che Draghi possa fare il Duce, sulla pelle degli italiani.
Molla i partiti (incluso opposizione) che per amore di poltrona sostengono Draghi. 

NIENTE ARRICCHISCE COME UNA BELLA GUERRA
Prima si finanzia la guerra, mica a fondo perduto; dovranno ripagare. La si fa durare a lungo (gli USA vogliono la vietnamizzazione della guerra), cosi la si distrugge ben bene. E poi la si ricostruisce con un bel piano Marshall. Mica a gratis. Le nazioni finanziano ma vendono a caro prezzo e interessi. Gli USA (tramite la Nato che esporta morte per il benessere del dollaro, in finto nome della democrazia) sono in prima fila, stavolta col fans n°1: Mario Draghi anche lui in lista per ricostruire, da buon banchiere, la nazione distrutta. Riceve un premio dal segretario al Tesoro Usa Janet Yellen, che lo definisce “economista di talento e instancabile funzionario pubblico” (ha dimenticato di aggiungere: al servizio dei poteri finanziari forti, mica del popolo) e dice che gli Usa sono “fortunati” ad avere come partner l’uomo del “whatever it takes” (che salvò l’Euro facendo a pezzi la Grecia).  

UNA SONORA SCONFITTA PER DRAGHI E UE
La UE fa marcia indietro e pubblica online un documento di chiarimento: “La proposta, o imposizione, di Vladimir Putin di far pagare all’Unione Europea le forniture di gas in rubli non violerebbe il regime di sanzioni approvato dagli Stati membri”.
Inoltre varie aziende energetiche europee si starebbero muovendo per conto proprio: secondo indiscrezioni pubblicate da Bloomberg anche l’italiana Eni sarebbe pronta ad aprire un conto in rubli presso Gazprombank, per pagare come richiesto dal regime russo.
Bastava rimanere neutrali, come India, Cina e l’America latina e non avremmo avuto problemi. Ma Draghi vuol far carriera nella Nato e danneggia tutta Italia.

NEUTRALITA’ SENZA PROBLEMI
India, Cina e America latina sono rimasti neutrali e non sanzionano la Russia. Mario Draghi no! Lui decide per tutti e Mosca si meraviglia che l’Italia è in “prima linea” contro la Russia. Senza questo essere immondo (Draghi) non avremmo problemi di gas. La Russia mai ha minacciato di non darcelo. Io, Enrico Levantino, fondatore di Cuori Ribelli non voglio pagare più tasse per finanziare la guerra di “altrove” che non ci appartiene. Non voglio che i miei soldi (Draghi paga coi soldi degli italiani) spargano sangue. Innocenti ucraini muoiono ma la colpa è del governo ucraino e degli USA. Putin ci sta aprendo gli occhi sulla Nato che ci sfrutta e la UE che è un’organizzazione fondata da lobby USA e dai Bilderberg per strangolare le nazioni.

Ora i genitori possono mettere al figlio entrambe i cognomi.
Il nascituro potrebbe chiamarsi Luca Brambilla Fumagalli. Quando sposerà Rosa Caloggero Ragusa non daranno 4 cognomi al figlio ma ognuno dei 2 genitori ne sceglierà 1. Pertanto a nonno Brambilla potrebbe capitare un nipote che si chiama Ugo Fumagalli Ragusa. E il nonno Brambilla giustamente si chiede “e tu cu minchia sei?”
Ma è davvero una grande vittoria politica che eguaglia i sessi?
A noi vengono in mente 2 cose:
La Fabian Society (l’ideologia dietro al Nuovo Ordine Mondiale) vuole la disgregazione della famiglia. E la baraonda dei cognomi serve a far perdere l’identità familiare.
Idem per l’uguaglianza gender con la sparizione di “padre e madre” a favore di “genitore 1 e 2”. 
 

MULTINAZIONALI

Nel suo libro Jim Marrs spiega come un piccolo gruppo di persone estremamente ricche e potenti controlla ogni importante industria (compreso: armi, petrolio, gas, farmaci, cibo) e i media. Li utilizza per intraprendere azioni che favoriscono le morti di uomini e donne in tutto il mondo. Marrs risponde a domande difficili che i media controllati neanche si pongono: chi è responsabile dell’esplosione di prescrizioni di farmaci potenzialmente mortali e chi trae profitto? Perché l’acqua potrebbe essere l’arma più letale del 21° secolo? Marrs mette a nudo schiaccianti verità: come hanno diffuso malattie intenzionalmente e distrutto il pianeta inseguendo profitti, il tutto per migliorare la vita di pochi privilegiati eliminando tutti gli altri.  

L’ITALIA IN PRIMA FILA CONTRO LA RUSSIA
Nel 1924 l’Italia fu il primo Stato europeo a riconoscere ufficialmente l’Unione Sovietica e questo ci valse un rapporto privilegiato con la Russia. Ma ecco che arriva Draghi, un arrivista che vuol far carriera nella Nato, e rovina, in modo forse irrimediabile questo rapporto felice. Se ne lamenta il Ministro degli esteri russo mentre il Financial Times se ne congratula.
Prendetene coscienza: l’Italia è la “puttana” della Nato/USA. Ci hanno riempito di bombe atomiche che ci rendono un bersaglio. Non ci proteggono ma ci usano e ci sfruttano per i loro interessi. Chi ci guadagna da questa guerra? Gli USA hanno isolato la Russia e le hanno tolto il mercato del gas. Per quale ragione dovremmo comprare a carissimo prezzo gas liquido, altamente inquinante? Questa è una guerra che non ci appartiene. 
 

COMMERCIO ALIMENTARE

Un grande sfruttamento del Terzo Mondo consiste nella distruzione dei semi agricoli naturali, sostituendoli con quelli brevettati geneticamente modificati. Secondo l’ONU il 75% della diversità genetica nelle colture agricole è andato perso in questo secolo e in Inghilterra sono state ritirate 1500 varietà di semi “non approvate”. Così ora, invece di utilizzare varietà di semi naturali, i paesi del Terzo Mondo devono pagare le royalties alle multinazionali che producono sementi geneticamente modificate che sarebbero inutili se non avessero fatto sparire i semi naturali.
Il 90% di tutto il commercio alimentare è nelle mani di 5 multinazionali, fra cui Unilever (il cui presidente, Paul Rykens, è un fondatore del Gruppo Bilderberg ) e Nestlé. Appartengono ai poteri finanziari che vogliono imporre il Nuovo Ordine Mondiale. 
 

A FAVORE DI UNA UNIONE EUROPA DOMINANTE

Mario Draghi chiede l’allargamento dell’Unione europea verso est. Afferma: “Dobbiamo integrare pienamente i paesi che hanno aspirazioni europee”. Vuole l’apertura immediata dei negoziati di adesione” con l’Albania, Macedonia del Nord e Kosovo e Bosnia. E vuole nella UE anche l’Ucraina.
Draghi ha anche chiesto all’Europa di muoversi più rapidamente verso un investimento maggiore in armamenti,
Ma il vero “abominio” proposto da Draghi è: “un federalismo pragmatico con un processo decisionale snello che eliminerebbe i veti degli Stati membri che attualmente sono spesso in grado di bloccare le posizioni della maggioranza”. Questo significa che il voto (e veto) degli Stati vale zero e la UE decide per tutti (Siamo nella versione MALVAGIA degli Stati Uniti d’Europa, voluti da nessuno). 
 

LA NATO NON ESPORTA DEMOCRAZIA

“Se non ci fosse stata (la Nato) non avremmo avuto dal ’45 a oggi un 50ina di guerre e colpi di stato a danno di paesi fuori dalla comunità internazionale che rappresenta il 17% dell’umanità e non avremmo avuto 50 milioni di morti”. Lo ha detto il giornalista Fulvio Grimaldi alla trasmissione Dimartedì.
Ha aggiunto:
“L’Unione sovietica ha salvato il mondo nel 1945 e Putin oggi torna a farlo. La Russia spende in armamenti 25 volte di meno rispetto a USA e Nato messe insieme Chi ha fatto più di guerre, chi ha guadagnato più dal consumo di armi e chi guadagna più miliardi da questa guerra? Si dice che Putin non voglia finire questa guerra: io credo che voglia finirla anche domani, purché finisca la situazione in cui l’Ucraina ha portato la Russia a dover intervenire in difesa di una popolazione massacrata”. 
 

LE RAGIONI DI PUTIN
L’Ucraina proibisce al Donbas di indire un referendum per l’annessione alla Russa e inizia una guerra civile mandando i nazi-battaglioni a uccidere. 194 laboratori finanziati dal pentagono USA. Avrebbero messo bombe atomiche a 5 minuti da Mosca. Per anni Putin ha fatto appelli pacifici. Ignorati. Dal 2014 gli USA sobillano l’Ucraina. Innocenti ucraini muoiono ma la causa è 100% del governo ucraino e degli Usa. E ora di tutta la Nato e la Ue che finanziano la guerra.
Draghi ha svenduto e svende gli assets italiani, se ne fotte dei referendum (su acqua e nucleare) . Fa quel che gli pare. Finanzia la guerra. Vuol lasciare fallire le aziende deboli. Alla UE ha proposto un federalismo pragmatico (gli Stati non possono più mettere veti, contano zero e decide tutto la UE). E’ un servo del Nuovo Ordine Mondiale: vuole abolire il contante, uccidere la sovranità italiana, ha controllato il popolo peggio del sistema dei crediti cinesi con l’infame tessera verde. 
 

A DRAGHI: IL PUMA DI MONTAGNA NON SI CURA DELL’ULULATO DEL COYOTE.
Dal sito regnum.ru: la grande marea di sanzioni contro la Russia sembra rallentare. Numerosi stati dell’UE riconoscono l’inefficacia delle restrizioni anti-russe. Parallelamente, le economie dei paesi occidentali stanno iniziando a vivere un periodo di turbolenza: ad esempio, continua l’aumento del costo dell’elettricità in Spagna, e in Germania si annuncia una possibile crisi nel settore dei trasporti e della logistica.
Allo stesso tempo, all’interno della Russia è stata istituita una procedura per sostituire gli importatori ostili e la ridistribuzione delle catene di approvvigionamento delle merci a favore dei produttori nazionali e delle imprese di paesi amici. Molti paesi hanno già annunciato il loro rifiuto di imporre sanzioni alla Russia: ad esempio, quasi tutti gli stati latinoamericani. 
 

UNIONE EUROPEA

Nacque come CEE (Comunità Europea) per favorire scambi commerciali. Poi diviene UE (Unione Europea) e si comporta come fosse gli Stati Uniti d’Europa. L’idea sembra bella ma è marcia fin dall’origine. Fa parte di un piano dell’élite globalista per dominare l’Europa. Il parlamento europeo è fumo negli occhi; nessun politico propone leggi. Alla UE lavorano 33mila persone (messe lì dalle lobby) che fanno le leggi che le nazioni devono applicare. La UE esiste per creare un sovrastato che annulli la sovranità degli Stati e favorisca le multinazionali. Serve per stabilire il Nuovo Ordine Mondiale.
Di recente la Polonia si è ribellata per dire che le leggi polacche prevalgono sulla UE.
La UE ha aperto una procedura d’infrazione contro la Polonia perché ha violato “il principio del primato del diritto Ue su quello dei singoli Paesi”.

I CONTRATTI DELLA Pfizer

Secondo i governi di Argentina e Brasile la Pfizer ha preteso asset pubblici come garanzia per i contratti.
Public Citizen (un’associazione internazionale di consumatori) denuncia che altre nazioni hanno subito il bullismo Pfizer: Stati Uniti, Gran Bretagna, Albania, Brasile, Colombia, Cile, Repubblica Domenicana, Perù e la UE.
Nei contratti c’è la clausola che qualsiasi controversia tra Pfizer e gli Stati non sarebbe decisa da una corte nazionale, bensì con un arbitrato privato sotto la giurisdizione di New York. Così Pfizer gioca in casa con la possibilità di vincere cause legali milionarie con estrema facilità. 
 

I PEDOFILI DEL VATICANO HANNO L’IMMUNITA’
Pedofilia: la Corte europea dei Diritti dell’uomo (Cedu) si è espressa per la 1a volta sul cupo tema riconoscendo l’immunità della Santa Sede. Sono state rigettate 24 cause di persone che avevano dichiarato di essere state abusate da sacerdoti e religiosi in Belgio.
3MILA PEDOFILI NELLA CHIESA DAL 1950
La Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (Ciase) in Francia mostra documenti che raccontano di oltre 3mila pedofili tra preti e membri religiosi dal 1950 ad oggi. “E la stima è al ribasso”, aggiunge il capo della commissione Jean-Marc Sauve. 
 

COMPLIMENTI ALLE SANZIONI
Prima delle sanzioni con 1 euro si compravano 150 rubli.
Ora, dopo le sanzioni, se ne comprano 78.
Zelesky compra gas dalla Russia ma chiede all’Europa di non comprarlo.
Draghi invece che rimanere neutrale invia carri armati e milioni per sostenere la guerra.
Decide di non comprare gas economico russo ma di comprarlo a carissimo prezzo altrove, liquido e altamente inquinante.
Le sanzioni fanno e faranno poco o nessun danno alla Russia, ma ne sta già facendo tantissimo all’Italia, per colpa di un Duce che decide quel che gli pare e lo fa a nome del popolo italiano che invece vuole neutralità.

DURA CRITICA DELLA CINA ALLA NATO
I ministro degli Esteri cinese, Wang Wenbin dichiara che la Nato «è uno strumento per cercare l’egemonia e per mostrare la sua potenza e fomentare conflitti».
PUTIN E’ IL LIBERATORE, ANCHE DELL’EUROPA
Nel corso degli anni Putin ha chiesto molte volte all’Ucraina di rimanere neutrale e di non fare guerra ai filorussi del Donbas. L’Ucraina sobillata dagli USA ha risposto picche. Doveva accettare i 194 laboratori di armi chimiche (USA), il massacro nel Donbas e che installassero missili che in 5 minuti sono a Mosca?
Senza Putin, banchieri senza scrupoli come Draghi e Macron avrebbero continuato a portare avanti gli interessi del Nuovo Ordine Mondiale. 
 

DOV’E’ LA TESTA DEL DRAGO?
I più intelligenti si accorgono che dietro ciò che accade ogni giorno nel mondo ci sono dei poteri forti che manipolano i governi e il mondo dei media, con cui fanno il lavaggio del cervello. I più accorti sanno che c’è un élite di ricchi e potenti che volgono instaurare un Nuovo Ordine Mondiale. Ma dov’è il quartiere generale? Il centro da cui “il male” si diparte?
Ebbene la “testa del Drago” è la City di Londra. Non si tratta di un quartiere di Londra, ma di una vera città Stato indipendente. Neanche immagini lontanamente cosa è la City e cosa si annida al suo interno e quanto pesantemente influisce sul mondo e sulla tua vita.

Fonte Cuori Ribelli su telegram 

Promo