Siria, la Turchia intende rimpatriare un milione di profughi

108 Visite

Il presidente turco Racep Tayyip Erdogan ha annunciato che intende rimandare in Siria un milione di profughi, fornendo loro almeno 100mila case e servizi nella provincia settentrionale di Idlib. L’area, distrutta come molte altre in 11 anni di conflitto, è controllata da milizie armate sostenute da Ankara, che lanciò un’operazione militare in questa regione nel 2019. La costruzione di case e infrastrutture, ha chiarito il capo dello Stato, sarà portata a termine con l’aiuto di istituzioni e ong internazionali. Ad oggi 3,7 milioni di siriani vivono in Turchia, che si configura come il Paese che accoglie il maggior numero di profughi siriani fuggiti dalla guerra a partire dal 2011. Nel 2015, dopo che il conflitto civile vide l’ingresso di potenze straniere e dell’Isis, si registro un inedito esodo di richiedenti asilo che si fermarono principalmente nei paesi vicini, tra cui Turchia e Libano.

L’Unione europea, per gestire il fenomeno, strinse con Erdogan un accordo da 3 miliardi di euro, poi rinnovato per la stessa cifra, con cui il capo di stato si è impegnato a trattenere i profughi sul suo territorio. Già da qualche anno però la Turchia è accusata dalle organizzazioni per i diritti umani di rimpatriare i profughi siriani sebbene in Siria le condizioni di sicurezza non siano garantite.

C’è anche chi ha denunciato rimpatri forzati: tra questi c’è la rete Syrians for truth an justice, secondo cui tra il 2019 e il 2021 almeno 155mila siriani sono stati riportati nel Paese anche dopo arresti della polizia avvenuti in casa, e dopo aver subito minacce o violenze per firmare il documento del “ritorno volontario”. Il gran numero di profughi siriani in Turchia ha suscitato forti tensioni con le comunità locali, alimentate dalla crisi economica e la disoccupazione, al punto che Kemal Kilicdaroglu, leader del partito di sinistra e liberale Chp, ha promesso che se sarà eletto alle presidenziali del 2023 rimpatrierà i siriani.

Promo