Ponte 2 giugno rovente, nel weekend fino a 38 gradi

52 Visite

Sara’ un Ponte del 2 giugno ‘rovente’, con il caldo che concederà una tregua solo al Nord, in particolare nelle aree alpine e prealpine. Il termometro, infatti, da domani in costante risalita, ‘schizzerà” fino a 38 gradi tra sabato e domenica, specialmente nelle zone interne della Sardegna, in Puglia e Basilicata e in generale farà molto caldo “dalla Toscana e dall’Emilia-Romagna in giù“, con la Pianura Padana che dovrebbe far registrare massime di 33-35 gradiResponsabile delle alte temperature è l’anticiclone proveniente dall’Africa, che fara’ innalzare la colonnina di mercurio almeno fino a lunedì.

«L’area depressionaria che si è formata sulla penisola iberica – spiega Roberto Vallorani, previsore del Consorzio Lamma-Cnr – in concomitanza con la rimonta dell’alta pressione, favorirà il richiamo di aria molto calda al Nord Africa. Avremo così, da oggi e presumibilmente fino a domenica, che le temperature saliranno su valori ampiamente sopra la media, di 6-7 gradi, mentre a livello nazionale – nota il meteorologo – l’incremento rispetto ai valori tipici del periodo sara’ di ben 11 gradi, principalmente domenica. Il caldo inciderà dalla Toscana e dall’Emilia Romagna in giù, mentre ci sara’ una diffusa instabilità nelle aree alpine, soprattutto domani, e in quelle prealpine. Venerdì, in particolare, i temporali in queste zone montuose saranno più frequenti». Se poi sabato non sono attese precipitazioni rilevanti, domenica tornerà l’instabilità sulle aree alpine e prealpine. Per quanto riguarda gli appennini, invece, episodi instabili sono previsti sulla parte appenninica dell’area padana e sull’appennino tosco-romagnolo.

«Tra lunedì e martedì le temperature – aggiunge Vallorani, che è anche ricercatore del Cnr-Ibe – tenderanno a calare di 5-6 gradi rispetto al picco che sara’ registrato domenica. L’aria fresca e l’instabilità – precisa – favoriranno le precipitazioni». A determinare questa fase di maltempo, spiega ancora il meteorologo, «è una saccatura (aria di bassa pressione) che dalla Scandinavia tenterà ad avvicinarsi all’arco alpino e lo ‘valicherà‘, entrando nella nostra penisola e portando maltempo».

Secondo Lorenzo Tedici, meteorologo de iLMeteo.it, i termometri si impenneranno fino a 40/41 gradi al Sud, in particolare su Sardegna, Sicilia e Puglia ma, addirittura le temperature ‘roventi’ non sono escluse anche al Centro. «Sarebbe un’ondata di calore eccezionale anche per la precocità: oggi inizia l’estate meteorologica – rileva Tedici ma l’estate astronomica, quella del Solstizio arriverà il 21 giugno: un anticipo d’Estate estremo!». Meteo Expert prevede, invece, che si sfioreranno i 40 gradi nelle zone interne della Sardegna. «A partire da giovedì 2 giugno le temperature raggiungeranno valori vicini ai 35 gradi al Centro-Sud – affermano i meteorologi di Meteo Expert -. Questa nuova ondata di caldo, confermano, potrebbe iniziare ad attenuarsi all’inizio della prossima settimana a partire dal settentrione, a causa del passaggio di una perturbazione atlantica che sara’ seguita da aria più fresca».

Promo