Sulla sparatoria di Oslo ora si indaga per terrorismo

46 Visite

Due persone sono morte e almeno 21 sono rimaste ferite, molte in modo grave, in una sparatoria avvenuta questa notte davanti a due bar di Oslo di cui uno frequentato da gay. La polizia ha annunciato che indaga per terrorismo e ha chiesto agli organizzatori dell’Oslo Pride di cancellare tutti gli eventi in programma in questi giorni, compresa la marcia dell’orgoglio Lgbt prevista oggi pomeriggio nella capitale.

La polizia ha arrestato il presunto killer precisando che è un uomo norvegese di origine iraniana, già noto ai servizi segreti interni che si occupano dell’antiterrorismo. Due armi sono state sequestrate.

“Tutto sembra indicare che è stata una sola persona a commettere questo atto“, ha dichiarato il funzionario di polizia Tore Barstad durante un briefing con la stampa. L’allarme è scattato all’1:14 e il killer è stato fermato 5 minuti dopo, ha aggiunto. La presenza di forze dell’ordine e’ stata rinforzata in tutta la citta’.

“Ho visto un uomo entrare con una borsa, ha tirato fuori un’arma e ha cominciato a sparare”, ha riferito un testimone. “Sembrava molto determinato nel prendere la mira. Quando ho capito che era una cosa seria, ho cominciato a correre. C’era un uomo sanguinante a terra”, ha raccontato una donna al quotidiano Verdens Gang.

Un altro testimone citato dal giornale ha parlato dell’uso di un’arma automatica – che la polizia non ha confermato – e ha descritto la situazione come “una zona di guerra: c’erano molte persone a terra con ferite alla testa”, ha detto.

agi

Promo