Pensioni. Da Inpgi a Inps: istruzioni per l’assegno di luglio

41 Visite

La legge di Bilancio 2021 ha stabilito che dal 1° luglio 2022 la gestione sostitutiva dell’Inpgi (Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani) passerà all’Inps. L’Inps ha già disposto i pagamenti delle prestazioni pensionistiche a partire dalla stessa data.

Per visualizzare i relativi cedolini, o per presentare domanda di pensione, gli utenti interessati dovranno quindi accedere al sito http://www.inps.it, inserendo le credenziali ormai valide per tutte le Pubbliche Amministrazioni: – SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2; – CNS (Carta Nazionale dei Servizi); – CIE (Carta di identità elettronica 3.0). Si ricorda che l’Inps può disporre un pagamento con accredito su Iban solo se questo è intestato o cointestato al beneficiario della pensione e se risulta formalmente valido.

L’Istituto, in sinergia con Inpgi, utilizzando gli strumenti postali e di comunicazione elettronica, ha recepito le corrette coordinate di pagamento da parte di quei beneficiari i cui Iban presentavano criticità. I pensionati che non hanno ancora fornito un Iban idoneo hanno ricevuto un’apposita comunicazione nella quale sono riportate le istruzioni utili per ottenere il rateo di luglio 2022 tramite bonifico domiciliato. Tale opzione consentirà all’utente, nell’immediato, di ritirare la pensione in contanti presso qualunque ufficio postale. Per ovviare ogni difficoltà futura, nella stessa comunicazione sono fornite – inoltre – le indicazioni per trasmettere un Iban valido tramite la procedura Inps o recandosi presso il proprio sportello bancario, muniti della chiave-pensione riportata nella lettera. 

Promo