Ode al vino, quello firmato Rocco Siffredi

65 Visite

La celebre “Canzone di Bacco”, dedicata al Dio del Vino, di Lorenzo il Magnifico recitava: “Quant’è bella giovinezza, che si fugge tuttavia. Chi vuol esser lieto, sia: di doman non c’è certezza”.
E certamente mai nessuno avrebbe accostato il “Trionfo di Bacco e Arianna” (titolo primario dell’Ode) al vino firmato Rocco Siffredi.
Eppure, lo diceva anche Lorenzo de’ Medici, “di domani non c’è certezza”.
E allora non stupiamoci se il Nettare degli Dei, decantato per secoli, osannato da tutti i Popoli, sia la bevanda alcolica più in voga, avendo assunto il ruolo di un vero e proprio evergreen che non deve mai mancare, durante ed al di fuori dei pasti.
Dagli estimatori più esperti, ai consumatori occasionali, tutti esprimono quotidianamente giudizi sul vino. Morbido, secco, fruttato, profumato, frizzante, per ciascuno il vino può esprimere sapori e note diverse.
E’ questa la nota di colore che la bevanda regala a tutti, a ciascuno il suo, per ciascuno un gusto diverso,
anche se si sorseggia dallo stesso calice.
Il vino è soggettivo, personale, quasi intimo. Un sorta di relazione a due, così esclusiva da non ammettere terzi incomodi.
Poi arriva “Rocco” che seleziona alcune cantine che rappresentano l’eccellenza della produzione vincola italiana e ci mette la firma.
Il brand riecheggia nel settore enogastronomico incuriosendo ed intrigando i più appassionati, i cultori della materia, ma anche i semplici avventori che, attratti dalla fama del celebre testimonial, cedono all’assaggio facile rimanendo tutti piacevolmente stupiti dalle note intense e profondamente strutturate, tutte Made in Italy, del ‘vino di Rocco’.
L’interesse, poi, aumenta per la linea tutta biologica realizzata a firma del Divo, proveniente dalle Cantine Valentini, situate nelle aree più vocate del territorio etneo e di quello di Passopisciaro in particolare.

La singolare combinazione tra altitudine, esposizione e clima, coniugato alle caratteristiche escursioni termiche dell’Etna ed ai terreni ricchi di sostanze organolettiche, rappresentano, infatti, la condizione ottimale per la produzione di vini strutturati aromatici e di alta qualità.

Come una sorta di celebrazione in chiave moderna al Dio del Vino, le Cantine di Rocco hanno il pregio di accostare all’assortimento ricchissimo di numerose varietà e tipologie, l’eccellenza della produzione vinicola italiana.

Sempre Ode a Bacco allora, meglio ancora se firmato Rocco Siffredi.

Promo