Emergenza Ucraina – Accoglienza profughi – Pronta la rete del Consorzio Umana Solidarietà

54 Visite

In Italia c’è fermento sull’accoglienza diffusa in favore dei profughi ucraini e c’è chi è pronto ad accoglierli come il Consorzio Umana Solidarietà – con sede legale a Palermo e sede operativa a Frosinone – avendo già sottoscritto la convenzione con la Protezione civile nazionale che ha indetto un avviso pubblico al quale ha partecipato lo stesso Consorzio in partenariato con la cooperativa sociale “Filef” e l’associazione di volontariato “Fonte di Ismaele” le quali avranno il compito di gestire i posti di accoglienza nella città di Roma.

Si tratta della prima convenzione sottoscritta con operatività nella regione Lazio, grazie alla quale è in corso un’attività di concertazione sia con gli uffici di Roma Capitale e sia con quelli della Protezione civile regionale, allo scopo di organizzare i primi trasferimenti di ospiti dagli alberghi agli appartamenti già predisposti per l’accoglienza a Roma e in altri Comuni del Lazio, per un totale complessivo di 116 posticosì come di seguito: Roma (con n. 23 posti in Appartamento) e Vallepietra, in provincia di Roma (con n. 25 posti in Appartamento); invece, in provincia di Frosinone, saranno: Alatri (con n. 30 posti in Appartamento), Anagni (con n. 18 posti in Appartamento) e Piglio (con n. 20 posti sempre in Appartamento).

Tale disponibilità di posti appare subito importante e provvidenziale, e soprattutto dimostra che sta partendo il nuovo sistema di accoglienza diffusa per i profughi ucraini in fuga dalla guerra, introdotto dal decreto legge 21/2022 e che fa perno sul coinvolgimento del Terzo settore. Peraltro, secondo le ultime stime, con l’arrivo della stagione turistica, è cresciuta la necessità di spostare i rifugiati accolti nelle strutture alberghiere.

A tal proposito, il presidente del Consorzio Umana SolidarietàMichele Leone, dichiara: “Ci mettiamo al servizio del Paese per dare risposte ad una grave emergenza umanitaria e partecipiamo con grande interesse alla sperimentazione di una nuova modalità di gestione dell’accoglienza che incentiva la cittadinanza attiva e la promozione dei territori. In tutto questo il terzo settore e nello specifico la cooperazione sociale non poteva che essere tra i protagonisti del nuovo sistema di accoglienza solidale”.

Si ricorda, infine, che il Consorzio Umana Solidarietà, aderente alla Centrale cooperativa Unicoop nazionale ed ispirata ai valori del MCL – Movimento Cristiano Lavoratori già opera a Roma Capitale nella gestione del servizio di supporto ai Tutori Volontari e per l’implementazione dell’affidamento familiare dei Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA).

Complessivamente sono 206 le persone in fuga dalla guerra in Ucraina che saranno accolte in Italia nella rete costruita dal Consorzio Umana SolidarietàLazio (n. 116 posti), Campania (n. 20 posti) e Puglia (n. 70 posti).  

Promo