Corte dei Conti su attuazione PNRR (primo semestre 2022)

40 Visite

“Le Amministrazione dello Stato hanno reagito
positivamente al primo impatto con il PNRR e il conseguimento pressocchè totale
degli obiettivi previsti dal Piano ma l’attenzione sulla sua esecuzione resta
particolarmente elevata e il giudizio complessivo sulla sua esecuzione potrà
delinearsi a fine anno”.

 Parole
che si leggono nella relazione “Stato di attuazione PNRR I° semestre 2022”  della Corte dei Conti Sezione Controllo firmata
da presidente Guido Carlino e  presidente
relatore Mauro Orefice.

La verifica dei Giudici ha avuto per oggetto
31 su 45 interventi ricompresi nel PNRR( piano nazionale di ripresa e
resilienza).

Al centro della disamina eseguita dalla Corte
i temi della tutela ambientale e salute, delle politiche del lavoro e sviluppo
sostenibile, della digitalizzazione e internazionalizzazione, dell’istruzione e
inclusione  e sostegno sociale.

Malgrado il dato generale positivo, nei
settori controllati sono emerse sostanziali criticità in un contesto, come
quello in itinere, che ha visto modificare il quadro economico-finanziario
rispetto alle previsioni iniziali, determinando elementi di incertezza
destinati a influenzare il rialzo dei costi di realizzazione di alcuni progetti.

In tale prospettiva i Magistrati contabili
sottolineano il “ permanere di difficoltà notevoli nella capacità di spesa
delle singole Amministrazioni, a dimostrazione del fatto che una maggiore
disponibilità e un maggior impiego di risorse non corrispondono automaticamente
a reali capacità di sviluppo”.

Il rafforzamento delle strutture
amministrative e l’adeguatezza delle risorse umane in corso di reclutamento
costituiscono fattori importanti ai fini della messa in opera dei progetti.

Sul versante attuativo dei programmi
territoriali—rileva la Corte—è richiesta, 
soprattutto in alcune aree del Paese, un’azione di razionalizzazione che
assicuri uniformità di presidio e di offerta dei servizi, oltre a consentire lo
svolgimento di efficaci controlli sul flusso dei finanziamenti e sul
raggiungimento dei propositi finali.

Alla conclusione del PNRR—per governare il
ritorno a una gestione ordinaria priva delle attuali disponibilità legate alle
risorse economiche europee—sarà fondamentale garantire la stabilizzazione delle
sovvenzioni destinate alle Amministrazioni, anche per evitare lo stato di
sofferenza delle imprese che hanno tarato organizzazione e strategie aziendali
sull’attuale entità degli stimoli economici e finanziari.

I prossimi gradini operativi e di verifica del
PNRR consentiranno di tutelare la funzionalità di Capacity Italy : portale
digitale entrato in funzione a fine giugno 2022, promosso dalla Presidenza
Consiglio dei Ministri, Ministero Economia e Finanze, Dipartimento della
Funzione Pubblica e Dipartimento Affari Regionali. Creato con  il supporto tecnico di Cassa Depositi e
Prestiti, Invitalia e Mediocredito Centrale che assicurano le necessarie
competenze e un gruppo di 550 esperti in tutte le discipline chiave per
sostenere la partecipazione attiva in particolare degli Enti locali.

La delibera della Corte dei Conti è stata
inviata ai presidenti di Senato e Camera dei deputati, Presidenza del Consiglio
dei Ministri, Ministero Economia e Finanze nonché alla Corte dei Conti Europea.

 NINO SANGERARDI

Promo