Addio a Mikhail Gorbachov, l’uomo che cambiò il mondo

28 Visite

Se n’è andato dopo una lunga malattia l’ultimo presidente sovietico, Mikhail Gorbachov, l’uomo che voleva cambiare l’Urss e ha finito per cambiare il mondo Gorbachov. L’uomo che accompagnò la distensione con l’Occidente, la fine della Guerra Fredda e il crollo dell’Unione Sovietica, è morto in un ospedale di Mosca dopo una lunga malattia a 91 anni.

La politica di ‘glasnost’ nei confronti dell’Occidente, sostenuta dai vertici Usa per frenare la corsa alle armi nucleari, ha fatto di lui una delle figure più influenti della fine del XX secolo. In patria, tuttavia, la sua mossa per decentralizzare l’economia sovietica, la cosiddetta ‘perestrojka’, fece precipitare un crollo economico che accelerò la dissoluzione dell’Urss.

Nato il 2 marzo 1931 nella regione meridionale di Stavropol in una famiglia di contadini russo-ucraini che aveva vissuto la carestia degli anni ’30 causata dalla collettivizzazione forzata della terra ordinata da Stalin, Gorbaciov riuscì a laurearsi in giurisprudenza presso la prestigiosa Università statale di Mosca, dove conobbe sua moglie, Raìsa.

Poi una carriera fulminante nel partito fino a diventare capo del partito nella sua nativa Stavropol nel 1970 a meno di 40 anni. La sua specializzazione in economia agraria permise a questo uomo dell’apparato di intraprendere una carriera fulminea ed essere nominato segretario dell’Agricoltura nel Comitato Centrale del PCUS nel 1978, trampolino di lancio per raggiungere la Segreteria Generale.

Nominato membro dell’onnipotente Politburo nel 1980, Gorbaciov guidò la rigenerazione del partito, che soffriva di evidenti problemi di gerontocrazia, insieme al capo del Kgb, Yuri Andropov, che diventerà poi il suo padrino politico.

Una volta nominato segretario generale, Andropov aveva già in mente il suo delfino come sostituto, ma dovette attendere la morte di Konstantin Chernenko, il 10 marzo 1985, dopo appena un anno alla guida del partito. “Non limitarti alle questioni agricole. Devi dedicarti a tutte le questioni di politica interna ed estera. Da un momento all’altro, può darsi che domani, tutta la responsabilità ricada su di te”, gli disse un giorno.

E in effetti questo accadde, complice la sua età, aveva appena compiuto 54 anni, che fu senza dubbio un fattore decisivo dopo che gli ultimi tre leader dell’Urss erano nel giro di tre anni –Breznev, Andropov e Chernenko– cosa che minacciava la stabilità dello Stato.

Il suo arrivo al potere suscitò grandi aspettative, anche perché il nuovo leader sovietico era estroverso, aveva capacitaà umane e sorrideva con gusto, cosa a cui i suoi concittadini non erano abituati. Ma Gorbaciov non si limitò alle forme esterne: poco dopo essere salito al potere lanciò la “perestrojka” (riforma politica) e poco dopo la “glasnost” (trasparenza informativa), che diede il via a quello che fu chiamato il “comunismo dal volto umano“.

Utilizzò una nuova generazione di tecnocrati che voleva riformare il sistema comunista per renderlo più efficace, anche se la vecchia nomenclatura sovietica continuava a ostacolarlo. “Le persone vogliono cambiamenti. È giunto il momento. Non si può rimandare oltre rimandati”, disse allora a “Mister Niet”, Andrei Gromyko.

Andò quindi avanti con l’introduzione della proprietà privata, pur senza rinunciare all’economia centralizzata; lo svolgimento di elezioni democratiche; la libertà di espressione e di credo; la libertà dei prigionieri politici.

All’esterno, migliorò le relazioni con l’Occidente, ridusse significativamente le spese per la difesa, aprì negoziati per la riduzione delle armi nucleari con gli Stati Uniti e ordinò il ritiro delle truppe sovietiche dall’Afghanistan.

Rinunciò inoltre alla dottrina della sovranità limitata nei confronti dei membri del Patto di Varsavia, il che diede inizio a quel processo rivoluzionario culminato con la caduta del muro di Berlino, il rovesciamento dei regimi comunisti nell’Europa orientale e successivamente la riunificazione della Germania.

L’apertura politica e il disgelo con l’Occidente gli valsero il Premio Nobel per la Pace nel 1990, anche se poi Gorbachov avrebbe deluso i suoi sostenitori in Occidente inviando truppe in Lettonia e Lituania per reprimere i movimenti secessionisti.

Ma sull’onda della rabbia popolare per la scarsità dei beni di prima necessità, alcune repubbliche sovietiche approfittarono della perdita del monopolio del potere del Pcus per proclamare la propria indipendenza da Mosca.

Il confronto con il suo vecchio alleato, Boris Eltsin, il primo presidente russo eletto a suffragio universale, aprì una breccia non più sanabile che finì per precipitare la scomparsa dell’Unione Sovietica. Mesi dopo, Gorbaciov confermò la fine dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche in un discorso storico il 25 dicembre 1991.

“Gorby”, come era affettuosamente conosciuto in Occidente, fu accolto come una rockstar in Occidente, ma i suoi compatrioti non lo perdonarono mai per la scomparsa dello Stato Sovietico e fino al giorno della sua morte molti lo accusarono ancora di tradimento.

Quanto durerà la sua eredità è una questione controversa: con Putin, la Russia sta scivolando di nuovo verso il totalitarismo e la libertà di parola introdotta da Gorbachov sta diventando un vago ricordo. 

agi

Promo