Grande reset, campagna vaccinale, crisi climatica, Élite Globali il programma prosegue senza indugio ma ecco alcune riflessioni

36 Visite

“…operazione pianificata da anni, dove un virus sintetico è stato realizzato in 15 anni di lavori in più laboratori PSL 3 e 4 che fanno guadagno di funzione in Cina e in America ed è stato messo fuori apposta per provocare l’epidemia che è stata facilitata in tutti i modi, dall’OMS e dal governo cinese poi da tutti gli altri. Tutto questo mira ad una convergenza di interessi, infatti la gente infetta non è stata curata pur essendoci le cure già dall’epoca delle prima SARS, le stesse sono state negate provocando in Italia più di 140mila decessi. La convergenza di interessi è quella dell’industria farmaceutica, basti pensare che nel 2019 /2020 l’introito economico era pari a zero e quale unica soluzione per la loro ripresa era il biotech che però da anni era bloccato. Quindi per loro c’era un’unica alternativa ovvero creare una pandemia che ufficialmente ha l’1% di letalità, ciò ha consentito l’utilizzo dei “vaccini”.

La convergenza tra l’industria farmaceutica con il progetto martusiano eugenetico e non dimentichiamo che il grande promotore di questi vaccini sia proprio Bill Gates che e hai vertici mondiali dell’eugenetica tristemente noti alla cronaca poi c’è una convergenza di coloro i quali vogliono un nuovo ordine mondiale, alla sparizione delle nazioni ecco perché torna comodo l’azzeramento dell’economia mettere in ginocchio le nazioni e le famiglie e falle confluire in questo ordine quale nuova forma di totalitarismo.”

 Massimo Citro (scrittore) a 100 giorni da leoni del 02 agosto 2022 

Promo