Il Papa contro il “carrierismo” del clero: “Curiamo il gregge di Dio”

110 Visite

Papa Francesco ha ricordato ai numerosi presbiteri e religiosi che assistevano alla messa del Crisma da lui celebrata a San Pietro che è il momento di “pascere il gregge di Dio e non più noi stessi” e smettere di “inseguire posti d’onore: il carrierismo nostro, fratelli“. Altrimenti si scivola nel clericalismo.

“Ecco il grande rischio: mentre restano intatte le apparenze, ci si ripiega su di sè e si tira a campare svogliati; la fragranza dell’unzione non profuma più la vita e il cuore non si dilata ma si restringe, avvolto nel disincanto. Quando il sacerdozio lentamente va scivolando sul clericalismo e il sacerdote si dimentica di essere pastore di popolo per diventare un chierico di Stato”, ha spiegato.

Vale per tutti, ha detto ancora Bergoglio, l’esempio degli Apostoli: “Gesù li scelse e sulla sua chiamata lasciarono le barche, le reti, la casa. L’unzione della Parola cambio’ la loro vita. Con entusiasmo seguirono il Maestro e cominciarono a predicare, convinti di compiere in seguito cose ancora più grandi; finché arrivo’ la Pasqua”. A questo punto “tutto sembro’ fermarsi: giunsero a rinnegare e abbandonare il Maestro. Non abbiamo paura, siamo coraggiosi nel leggere la nostra vita e le nostre cadute. Fecero i conti con la loro inadeguatezza e compresero di non averlo capito: il ‘non conosco quest’uomo’, che Pietro scandì nel cortile del sommo sacerdote dopo l’ultima Cena, non è solo una difesa impulsiva, ma un’ammissione di ignoranza spirituale: lui e gli altri forse si aspettavano una vita di successi dietro a un Messia trascinatore di folle e operatore di prodigi, ma non riconoscevano lo scandalo della croce, che sbriciolo’ le loro certezze”.

“Gesù sapeva che da soli non ce l’avrebbero fatta e per questo promise loro il Paraclito”, ha proseguito, “E fu proprio quella seconda unzione, a Pentecoste, a trasformare i discepoli portandoli a pascere il gregge di Dio e non più se’ stessi. Fu quell’unzione di fuoco a estinguere la loro religiosità centrata su se’ stessi e sulle proprie capacita’: accolto lo Spirito, evaporano le paure e i tentennamenti di Pietro; Giacomo e Giovanni, bruciati dal desiderio di dare la vita, smettono di inseguire posti d’onore”.

“Intollerabile la doppiezza clericale”

“È vero, ogni doppiezza – la doppiezza clericale – che si insinua è pericolosa: non va tollerata, ma portata alla luce dello Spirito”. Lo ha detto Papa Francesco nella Messa del Crisma.
“Le falsità, il clericalismo, verranno alla luce”, ha spiegato

agi

News dal Network

Promo