Per la giovane democrazia italiana: abstulit atra dies et funere mersit acerbo

150 Visite

La pretesa di essere i migliori del mondo (se non quella di essere i prediletti da un dio che essi stessi, con l’aiuto dei mediorientali,  hanno creato con un volo di fantasia) e la supponenza di godere più  degli altri di prerogative e privilegi in forza di caratteristiche  in parte vere (stili di vita, buon gusto, eleganza, creatività artistica) e altre divenute sempre più falsamente affermate  (modelli democratici e civili di vita e rispetto dei diritti umani) rendono gli Occidentali sempre meno amati dagli altri  abitanti del Pianeta. 

Soprattutto da quando la loro leadership   è passata agli Statunitensi che, in verità, non eccellendo neppure nelle prime prerogative,  hanno cambiato decisamente in peggio le seconde. 

In realtà, però, il problema non è dato dagli abitanti dell’America del Nord.

A partire dalla fine della seconda guerra mondiale, la popolazione di quella parte el Nuovo Continente è  stata essa stessa vittima degli intrighi progressivamente perpetrati, a danno delle autorità legittimamente costituite, dal  cosiddetto Deep State.

Spie, poliziotti e militari della CIA, dell’FBI e del Pentagono, sono stati favoriti dalla molteplicità delle guerre dichiarate  da Presidenti-marionette e dalla consuetudine di affari sporchi perseguiti  in tutti Paesi  del mondo occidentale.

Il Deep State, d’altronde, ha fatto, in America e in Europa  un lavoro dai risultati sorprendenti: ha esautorato del tutto la classe politica, riducendola a brandelli sia con l’aiuto di leggi elettorali  ad hoc sotterraneamente suggerite ai Parlamenti sia con l’uso politico della magistratura, adeguatamente stimolato (e nei Paesi calvinisti il puritanesimo ha dato la sua mano); e condannandola a eseguire ordini “incondizionatamente”.

Tutte le differenze che un tempo esistevano tra forze dette di Destra, di Centro e di Sinistra sono scomparse, come per magia: chi emerge oggi nell’attività politica,  proviene da  una massa di gente che, incapace di imporsi nella cosiddetta società civile, è pronta a genuflettersi e a rinunciare a ogni propria idea,  pur di conquistare un cadreghino che la sottragga all’anonimato. E’ gente che non ha nulla da perdere  (non teme, quindi gli avvisi di garanzia che preoccupano le persone per bene nè  si fa un problema che a fare la selezione e la scelta siano degli “scalzacani” di quart’ordine); né conseguentemente ha remore etiche   a eseguire gli ordini di padroni occulti.

E’ agevole constatarlo: a parte l’Ungheria, non v’è un solo Paese occidentale, sottomesso (in maniera sostanziale anche se non formale) all’asse anglosassone, dove il passaggio del governo dalle mani del Centro, a quelle della Sinistra o della Destra significhi, politicamente, cambiamento. 

L’obbedienza cieca, pronta e assoluta alla volontà degli “atlantici” e dell’Unione Europea è uguale in tutti i Paesi del vecchio Continente.

Di recente Rikka Purra, presidente del Partito dell’Ultra Destra, si è affacciata nell’area del potere in Finlandia  ma ha subito rassicurato Joe Biden e Jense Stoltenberg che ritiene l’avvenuto ingresso nella NATO sia un’indispensabile sicurezza (e ciò, anche se la postazione di basi missilistiche ai confini con la Russia non sembra essere la migliore delle garanzie). 

Il caso finlandese segue, per così dire “a ruota” e con le stesse modalità quello molto analogo svedese.

Per non dire  di quello italiano, dove a parte l’entusiastico invio delle armi a Zelensky, per l’immigrazione, sempre più massiccia  è stato inventato il turismo portuale delle imbarcazioni cosiddette “non governative”. 

In Italia, anche se, nei prossimi mesi e in vista delle elezioni europee, la Schlein tenterà di rubare voti a Conte prendendo le distanze dal bellicismo sinora dominante a Sinistra, sarà difficile, per chi non porti la sveglia al collo,  darle credito. Saranno tanti a pensare che se premiata dal voto essa ripeta pedissequamente  il voltafaccia che a destra ha giù fatto la Meloni che, dopo aver promesso, prima della sua campagna elettorale, posizioni indipendendiste anche estreme, le ha abbandonate per l’ambizione di sedere sulla poltrona di  Palazzo Chigi (e poi, chissà, seguendo l’esempio di Mario Draghi, di recente eletto a suo Maestro, su quella del Quirinale). 

La situazione che si è creata e sta radicandosi  in Occidente consente di osservare, a notisti politici che non siano, per ragioni varie, di stretta osservanza atlantista e conseguentemente con  l’obbligo del prosciutto sugli occhi  che se questa è diventata, in tutto l’Occidente, la democrazia sarebbe meglio smetterla di lanciare imprecazioni contro le autocrazie orientali… 

La gente potrebbe dare a  quelle alte grida lo stesso valore  del “Al lupo! Al lupo!” della favola di Esopo.

LUIGI MAZZELLA

News dal Network

Promo