La vita di Jj4 nelle mani del presidente della Provincia

177 Visite

“Da ministro posso solo esercitare una funzione di indirizzo che non può che basarsi peraltro sul parere scientifico dell’Ispra, delegata a questa funzione. Parere che contempla tra le misure possibili, in situazioni di estremo pericolo, anche la soppressione degli animali”. Lo ribadisce il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto, in riferimento alla vicenda dell’orsa Jj4 che ha ferito mortalmente il runner Andrea Papi.

I cuccioli di jj4 possono farcela da soli

E spiega: “La procedura prevede infatti che il Mase sia chiamato in causa esclusivamente al fine di fornire, appunto attraverso l’Ispra, un parere consultivo e non vincolante. Ma la decisione finale spetta alle autorità locali, nel caso specifico al presidente della Provincia”.

L’orso Mj5 sarà abbattuto

Detto questo, prosegue nella riflessione Pichetto, “è chiaro che la soppressione dell’orsa non può essere una vendetta. Ucciderla non ridarà la vita al giovane runner, come ha sottolineato con parole di grande umanità la madre della vittima. Ma va considerato che il ripetersi reiterato delle aggressioni agli umani e agli animali, ha comunque reso evidente che la gestione degli orsi in Trentino è diventata problematica e che va rivista tutta la materia per assicurare sicurezza a residenti e turisti. Va inoltre considerata seriamente l’ipotesi del ricollocamento all’estero di gruppi di esemplari”. E conclude: “Occorre sedersi attorno a un tavolo e valutare le soluzioni migliori da adottare col conforto del parare degli esperti”. 

agi

News dal Network

Promo