Ita e Lufthansa, la trattativa ai dettagli finali

161 Visite

Mancano ancora gli ultimi dettagli per l’intesa tra Mef e Lufthansa per l’acquisto del 40% di Ita ma le parti, a quanto filtra, non sarebbero lontane dalla conclusione della trattativa. Una settimana dopo la scadenza della proroga concessa dal Tesoro (proprietario del 100% della ex Alitalia) per il dialogo in esclusiva con il colosso aereo tedesco, tecnici e legali sono al lavoro per limare gli ultimi aspetti dell’intesa.

Il dossier è circondato da riserbo e cautela, vista la posta in gioco: la terza compagnia mondiale avvierebbe il percorso di privatizzazione del vettore di bandiera italiano. Della questione si è discusso ieri anche al G7 di Hiroshima, nel corso dell’incontro tra la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, e il Cancelliere tedesco, Olaf Scholz.

“Buone prospettive” per Ita nel gruppo Lufthansa

Fonti italiane specificano che si è trattato di un confronto su temi industriali, sulle sinergie che si possono aprire tra i due maggiori Paesi industrializzati d’Europa. Il prezzo, viene riferito da più fonti, dovrebbe essere stato ormai fissato in un range tra 250 e 300 milioni di euro, la discussione finale riguarderebbe soprattutto dei particolari gestionali legati alla fase successiva all’acquisto.

lufthansa ita ultimi dettagli trattativa © Andreas SOLARO / AFP 
Giancarlo Giorgetti 

Nei giorni scorsi la Frankfurter Allgemeine ricordava le questioni legali ancora aperte, come la possibile vertenza degli ex dipendenti Alitalia per il reintegro in Ita, anche se si tratta di una azienda costituita ex novo e attiva da un anno e mezzo. In settimana il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti si è detto ancora una volta “ottimista” sulla trattativa. Al Mef, a quanto filtra, ogni settimana viene ritenuta valida per annunciare l’esito finale, con l’attesa di un risultato positivo. 

Lufthansa, ha detto nei giorni scorsi il ceo Carsten Spohr, vede “buone prospettive” per la conclusione positiva della discussione. “Ita è una nuova compagnia, non va confusa con la vecchia Alitalia, è nata nel 2020 ha un buon posizionamento. Nel dialogo con il governo italiano e poi con la Commissione europea, che dovrà approvare una eventuale intesa, vediamo delle buone prospettive perché Ita entri a far parte del nostro gruppo”, ha sottolineato Spohr nel corso dell’assemblea degli azionisti.

lufthansa ita ultimi dettagli trattativa 

Il manager ha poi specificato: “Non abbiamo ancora raggiunto un accordo, tuttavia, il rischio finanziario di Lufthansa dovrebbe inizialmente essere limitato all’eventuale apporto di capitale per acquisire una quota di minoranza in Ita”.

I conti delle due compagnie

Nel portafoglio del gigante tedesco dell’aviazione ci sono già Austrian, Swiss, Brussels Airlines ed Eurowings. L’acquisto di Ita consentirebbe al vettore di ampliare il suo raggio di azione in uno dei mercati continentali più ricettivi sul fronte turistico, l’Italia, e ampliare rotte verso il Sud Europa. Dopo Ita, inoltre, Lufthansa potrebbe guardare anche a Tap Portugal, alla ricerca di acquirenti dopo che gli anni della pandemia di Covid hanno provato i conti del vettore lusitano.

I conti delle due compagnie. Nel 2022 Ita ha registrato una perdita netta di 486 milioni di euro su cui pero’ “l’effetto del deterioramento dello scenario macroeconomico ha inciso per oltre 280 milioni di euro”. A pesare sui conti è stato soprattutto il rincaro del costo del carburante.

I ricavi invece segnano 1,576 miliardi di euro, con oltre 400 milioni in cassa. Lufthansa invece ha annunciato per il primo trimestre del 2023 ricavi per 7 miliardi di euro, un aumento del 40% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con la perdita netta che si riduce del 20% a 467 milioni di euro. Se arrivasse l’intesa per l’avvio della privatizzazione di Ita il passaggio successivo sarebbe l’invio delle carte all’Antitrust Ue, che potrebbe richiedere alcuni mesi per formulare le sue valutazioni.

agi

News dal Network

Promo