31 anni fa la strage di Capaci. Mattarella: “Possiamo liberarci del ricatto della mafia”

128 Visite

“La mafia li ha uccisi, ma è sorta una mobilitazione delle coscienze, che ha attivato un forte senso di cittadinanza. Nelle istituzioni, nelle scuole, nella società civile, la lotta alle mafie e alla criminalità è divenuta condizione di civiltà, parte irrinunciabile di un’etica condivisa.

L’azione di contrasto alle mafie va continuata con impegno e sempre maggiore determinazione. Un insegnamento di Giovanni Falcone resta sempre con noi: la mafia può essere battuta ed è destinata a finire”. Lo dichiara il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del trentunesimo anniversario della strage di Capaci.

“Magistrati come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino – ha proseguito il capo dello Stato – hanno demolito la presunzione mafiosa di un ordine parallelo, svelando ciò che la mafia è nella realtà: un cancro per la comunità civile, una organizzazione di criminali per nulla invincibile, priva di qualunque onore e dignita’”.

“I criminali mafiosi pensavano di piegare le istituzioni, di rendere il popolo suddito di un infame potere. La Repubblica seppe reagire con rigore e giustizia“, ha sottolineato Mattarella, aggiungendo che gli eventi in cui persero la vita Giovanni Falcone, sua moglie e la scorta “sono iscritti per sempre nella storia della Repubblica. Si accompagna il senso di vicinanza e riconoscenza verso quanti hanno combattuto la mafia infliggendole sconfitte irrevocabili, dimostrando che liberarsi dal ricatto è possibile, promuovendo una reazione civile che ha consentito alla comunità di ritrovare fiducia”.

agi

News dal Network

Promo