Una giocatrice di bridge russa per ricattare Bill Gates

162 Visite

Si chiama Mila Antonova, fino a qualche anno fa era una giocatrice di bridge che partecipava a incontri su YouTube per promuovere il gioco. Adesso il suo nome è finito al centro di uno scandalo che l’ha vista prima come preda di Jeffrey Epstein, il milionario newyorkese arrestato nel 2019 per la seconda volta, con l’accusa di traffico sessuale di minorenni, e poi come amante segreta del co-fondatore di Microsoft, Bill Gates. E infine come “soggetto” al centro di un ricatto: quello avviato da Epstein nei confronti di Gates.

Il primo aveva minacciato di rivelare la loro storia clandestina del secondo, all’epoca in cui il co-fondatore di Microsoft era sposato con Melinda French Gates, se non gli avesse dato una mano a raccogliere fondi per un’iniziativa benefica. La email con il ricatto sarebbe del 2017. La rivelazione è stata fatta dal Wall Street Journal.

Attualmente Antonova risulta un’imprenditrice russa che risiede a Palo Alto, California, e lavora come ingegnera dei software, assunta in un’azienda americana chiamata Beyond Pricing. Da giovane era considerata un talento del bridge, vincitrice di tornei, e capace di conquistare l’attenzione di un altro appassionato del gioco, Gates. 

In un video del 2010 la ragazza citava proprio il miliardario di Microsoft e il finanziere Warren Buffett, per spiegare come in fondo il bridge non fosse a solo un “gioco per vecchiette”, ma una “palestra per la mente”. Su Gates aveva regalato una battuta, che aveva fatto ridere la platea: “Non l’ho battuto, ma gli ho dato un calcio, con la gamba”.

L’incontro con Epstein

Nel 2013 Antonova aveva conosciuto Epstein attraverso un amico di Gates, Boris Nikolic. La ragazza gli parlò del suo progetto: raccogliere mezzo milione di dollari per lanciare un tutorial online del bridge, BridgePlanet. Epstein non glieli diede, ma le offrì un appartamento a New York dove vivere, poi le pagò una scuola esclusiva per specializzarsi in informatica e costruzione di modelli informatici.

Secondo quanto ha scritto il Wall Street Journal, Epstein venne a sapere qualche anno dopo della relazione clandestina tra la giovane giocatrice russa e Gates. Dopo il rifiuto del miliardario di partecipare a una raccolta fondi, Epstein gli avrebbe scritto nel 2017 una email dai toni poco amichevoli, in cui lo minacciava di rivelare la sua storia extramatrimoniale se non avesse aderito alla raccolta di donazioni.

Non è chiaro se Gates si arrese. Due anni dopo Epstein venne arrestato con l’accusa di aver messo su per anni un harem dove portava minorenni per soddisfare i suoi appetti sessuali, e quelli di un cerchio magico di amici esclusivi, i cui nomi non sono mai stati resi pubblici. Poche settimane dopo, nell’estate del 2019, venne trovato morto in cella. Due anni dopo Gates ha divorziato dalla moglie Melinda.

agi

News dal Network

Promo