La controffensiva russa arriva a Belgorod, ma gli Usa non ci stanno

139 Visite

La Russia ha denunciato oggi un massiccio attacco di droni nella regione di Belgorod, al confine con l’Ucraina, dove lunedì un distaccamento di sabotatori russi è entrato dal territorio ucraino e ha lanciato un’incursione armata. “La notte è stata agitata. Ci sono stati numerosi attacchi di droni. La difesa antiaerea si è occupata della maggior parte di essi”, afferma il governatore di Belgorod Vyacheslav Gladkov sul suo canale Telegram.

Gli Usa hanno preso le distanze dall’operazione , respingendo le accuse di Mosca di averla sostenuta. Un portavoce del Dipartimento di Stato, Matthew Miller, si è detto “scettico” durante un briefing con la stampa sulle notizie circolate sui social media secondo cui nell’operazione sarebbero state utilizzate armi fornite dagli Stati Uniti, ribadendo di non avere “incoraggiato o consentito attacchi all’interno del territorio russo. Spetta all’Ucraina decidere come condurre questa guerra”, ha aggiunto.

agi

News dal Network

Promo