Allerta rossa a Pechino per il tifone Doksuri

155 Visite

La Cina ha posto in allerta rossa una parte del nord del Paese, compresa la regione di Pechino, a causa delle piogge torrenziali previste dall’avanzata del tifone Doksuri, che attualmente sta colpendo l’altra estremità del paese. Doksuri, che sta spazzando la Cina sud-orientale da venerdì, si sta spostando verso nord, dove la sua “influenza” si fa già sentire, secondo il servizio meteorologico cinese.

47 mila persone sono state già evacuate nella regione di Pechino a causa delle piogge torrenziali. Lo riferiscono i media locali. Le autorità hanno rafforzato il loro sistema anti-alluvione e hanno invitato i residenti a rimanere a casa. A Pechino sono state evacuate più di 27.000 persone che vivono in aree a rischio e circa 20.000 sono state evacuate a Shijiazhuang, una grande città situata a 250 km a sud-ovest della capitale, secondo i media ufficiali.

L’allerta rossa, in vigore dalle 20:00 ora locale (12:00 GMT), copre una vasta area dove vivono centinaia di milioni di persone, comprese città come Pechino e Tianjin, le province confinanti di Hebei (nord) e Shandong (est), cosi’ come una parte di Henan (centro) e Shanxi (nord). È la prima volta dal 2011 che viene attivato un allarme di questo tipo per piogge torrenziali, secondo i media locali. I servizi meteorologici hanno previsto che potrebbero cadere più di 60 cm di precipitazioni.

clima allerta rossa pechino tifone doksuri© AFP 

A Pechino, diversi parchi, laghi e corsi d’acqua iconici della città sono stati chiusi fino a nuovo avviso per precauzione, ha annunciato il comune sabato. Sabato, sin dalle prime ore del pomeriggio, forti acquazzoni erano già caduti in diversi quartieri di Pechino. Secondo i media locali, le piogge previste nelle prossime ore potrebbero essere ancora più importanti di quelle del luglio 2012, le cui storiche alluvioni hanno provocato 79 morti.

Per prevenire qualsiasi incidente, molti siti di Pechino hanno annunciato la chiusura temporanea, come la Città Proibita, il famoso parco divertimenti degli Universal Studios, biblioteche e musei. Chiuso anche l’enorme Centro Nazionale per le Arti dello Spettacolo, situato vicino a Piazza Tiananmen, che ha annullato gli spettacoli lirici e i concerti in programma domenica.

Il Ministero delle risorse idriche ha alzato la sua risposta al rischio di inondazioni al livello 2, e ha aumentato il numero degli agenti mobilitati per controllare fiumi e dighe.

Questo maltempo si verifica contemporaneamente all’avanzata, dall’altra parte del Paese, del tifone Doksuri, che venerdì ha causato ingenti danni materiali nel sud-est del Paese, con raffiche fino a 175 km/h. La sua intensità è diminuita da allora. La televisione nazionale ha mostrato immagini di alberi sradicati dalle strade, mentre le zone residenziali erano circondate da vaste distese di acqua fangosa.

clima allerta rossa pechino tifone doksuri© AFP 

A Fuzhou (sud-est), le autorità hanno sospeso i trasporti pubblici e ordinato ai residenti di non uscire di casa sabato. La Cina sta affrontando condizioni meteorologiche estreme e temperature record negli ultimi mesi, esacerbate dai cambiamenti climatici secondo gli scienziati. All’inizio di luglio, Pechino e le aree circostanti hanno registrato temperature record con oltre 40 gradi.

Sebbene gli eventi meteorologici estremi (cicloni, ondate di calore, inondazioni, siccità, ecc.) siano naturali, il riscaldamento globale causato dalle emissioni di gas serra generate dalle attività umane sta aumentando di entità e/o frequenza, affermano gli esperti. 

agi

News dal Network

Promo