Napoli, “Chist’è ‘o paese d’ ‘o sole”, non nasce solo per il clima baciato dagli dei

231 Visite

“Chist’è ‘o paese d’ ‘o sole,
chist’è ‘o paese d’ ‘o mare,
chist’è ‘o paese addó tutt’ ‘e pparole
só doce e só amare,
só sempe parole d’ammore! 

Questa è una strofa de: ” ‘O paese d’ ‘o sole”, brano musicale napoletano del 1925, scritto da Vincenzo D’Annibale e Libero Bovio, considerato una delle migliori espressioni canore, fu interpretato da artisti napoletani e non, tra i quali Giacomo Rondinella e Luciano Pavarotti. 
Perché Napoli è detta il paese del Sole? Sicuramente perché, per almeno 8 mesi l’anno, il Sole irradia la terra partenopea. Ma non è solo per questo che viene associata alla stella madre del sistema solare.

L’orientamento geografico dell’antica Napoli, nonché la sua geometria, considerata anche la benevola influenza che Napoli subì dalla grande città greca di Atene, furono determinanti per il preciso scopo di dedicare la città al Sole, al culto del dio Apollo e di Partenope. Molti percorsi, monumenti, obelischi (da San Domenico Maggiore alla cappella San Severo), passeggiando per Napoli, ce lo ricordano. 
Addirittura c’è, nel centro storico, la sconosciuta via del Sole che – tra leggenda e storia – si dice ospitasse il tempio di Helios, il dio del Sole. 

Curiosità: Uno dei nomi di persona più diffuso a Napoli è, senza dubbio, Ciro, che in antica lingua persiana vuol dire proprio “Sole”.

Patrizia Stabile

scatto di @piogargano

News dal Network

Promo