SOS oceani, in superficie l’acqua non è mai stata così calda

[epvc_views]

 L’acqua degli oceani, in superficie, è sempre più calda. Secondo il servizio climatico Copernicus, la temperatura media giornaliera pari a 20,95 gradi ha già superato il record del 2016 e tenderà anche ad aumentare. Gli scienziati affermano che è probabile che tale record continuerà ad essere battuto, poiché di solito gli oceani raggiungono il loro massimo livello di temperatura globale a marzo, non ad agosto. La causa del riscaldamento degli oceani è da amputare alla combustione di combustibili fossili.

È probabile che le temperature siano in parte determinate dal fenomeno meteorologico El Niño – anche il 2016 è stato un anno El Niño. Tuttavia, questi modelli meteorologici sono probabilmente accentuati dalla rottura del clima e dal riscaldamento dell’atmosfera.

“Più bruciamo combustibili fossili, più il calore in eccesso sarà assorbito dagli oceani, il che significa che ci vorrà più tempo per stabilizzarli e riportarli al punto di partenza”, ha dichiarato Samantha Burgess alla BBC.

Gli oceani regolano anche il clima, assorbendo il calore, guidando i modelli meteorologici, agendo come un serbatoio di carbonio e fornendo una tregua, poiché l’aria fresca che soffia dal mare può rendere più sopportabili le calde temperature terrestri. Tuttavia, tali impatti (che sono ovviamente utili) diminuiscono con il riscaldamento degli oceani in quanto le acque calde hanno anche una minore capacità di assorbire l’anidride carbonica. In altri termini, ci sarà più gas serra nell’atmosfera. Last but not least, il riscaldamento degli oceani contribuisce anche allo scioglimento dei ghiacci, che provoca l’innalzamento del livello del mare.

Negli ultimi 150 anni la temperatura media globale della superficie del mare è aumentata di quasi 0,9 C e l’aumento negli ultimi quattro decenni è di circa 0,6 C. L’ultima media quinquennale è di circa 0,2°C superiore alla media tra il 1991 e il 2020.Alcune delle aree a più rapido riscaldamento sono parti dell’Oceano Artico, il Mar Baltico, il Mar Nero e parti del Pacifico extra-tropicale.

agi

News dal Network

Promo