Un indimenticabile Plácido Domingo chiude la rassegna “Un’Estate da RE”

[epvc_views]

Con l”indimenticabile concerto dello scorso 4 agosto del grande tenore spagnolo Plácido Domingo, guest star Il Volo (Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble), il gruppo italiano che sta spopolando in tutto il mondo, assieme a un sorprendente e indiscusso talento dell’opera lirica, la giovane soprano Daria Rybak, i battenti della Reggia di Caserta sono calati sulla VIII edizione di Un’Estate da RE.
Ed è l”unica cosa che sia calata! 

Si, perché la rassegna, programmata e finanziata dalla Regione Campania (fondi POC 2014-2020), organizzata e promossa dalla Scabec in collaborazione con il Ministero della Cultura, la Direzione della Reggia di Caserta, il Comune di Caserta e il Teatro Municipale “Giuseppe Verdi” di Salerno, con la direzione artistica del Maestro Antonio Marzullo ha fatto registrare concerti sold out e numeri davvero impressionanti: dodicimila spettatori, 4 eventi con artisti di fama mondiale come Zucchero “Sugar” Fornaciari, Roberto Bolle, Plácido Domingo e Il Volo, e uno spettacolo-omaggio a Luigi Vanvitelli (nell’ambito dell’anno delle Celebrazioni Vanvitelliane) con Mariano Rigillo ed Enzo Salomone andato in onda in live streaming sull’Ecosistema digitale per la cultura della Regione Campania.

L’apertura, affidata alle note del Nabucco di Giuseppe Verdi (Ouverture), è stata eseguita dall’Orchestra Filarmonica “Giuseppe Verdi” di Salerno diretta dal Maestro Marcello Rota. Poi la scena è stata tutta per Domingo (150 ruoli, più di 4.000 esibizioni, tra le stelle della celebre Hollywood Walk of Fame), che con Nemico della Patria (Giordano, Che?nier) ha aperto un concerto che ha alternato le più note melodie di Puccini, Mascagni, Bizet, Leoncavallo (O mio babbino caro, Intermezzo – Cavalleria Rusticana, Au fond du temple saint, Mattinata) con brani immortali come My Way di Paul Anka e Torna a Surriento di Ernesto De Curtis, in un susseguirsi di cambi di voci e di protagonisti che hanno cantato in assolo e in duetto, per poi esibirsi insieme nel gran finale, concedendo il bis di Libiamo ne”lieti calici (Giuseppe Verdi, La traviata), a cui è seguita una significativa standing ovation.

Un tributo che il pubblico di Caserta (e non solo, viste la presenza di spettatori provenienti da tutta Italia e dall’estero) ha voluto dedicare in particolar modo al Maestro madrileno, per la seconda volta in concerto alla Reggia dopo la partecipazione alla V edizione di Un’Estate da RE nel 2020, anno di rinascita dopo la pandemia. Mi ha fatto tanto piacere ritornare in questo posto incredibile – ha dichiarato Plácido Domingo, intervistato ai microfoni di Radio Monte Carlo, radio ufficiale di Un’Estate da RE, assieme a Piero Barone (Il Volo) -. Ho cantato qui nel mio primo concerto dopo il Covid e la Reggia mi ha portato tanta fortuna, perché da qui ho ricominciato a cantare e ancora non mi fermo. È un luogo meraviglioso”.

Radio Monte Carlo, radio ufficiale di Un’Estate da RE, ha trasmesso in diretta dalla Reggia in occasione di tutti gli spettacoli in programma, intervistando pubblico e protagonisti, raccontando l’immensa bellezza del territorio e l’atmosfera magica dell’evento attraverso le voci di Rosaria Renna e Filippo Firli.

“È stata un’edizione straordinaria di Un’Estate da RE – ha dichiarato Pantaleone Annunziata, Amministratore unico della Scabec – che ha visto la Regione Campania protagonista di questi importanti eventi che hanno interessato la città di Caserta. Un’edizione da tutto esaurito e con ospiti di fama mondiale che hanno attirato pubblico e turisti da tutta Italia e dall’estero. Un’occasione per valorizzare non solo la Raggia di Caserta, ma anche tutta la nostra regione”.

News dal Network

Promo