Svizzera: per banche possibili 30 mila dipendenti in meno

134 Visite

La piazza bancaria elvetica potrebbe trovarsi ad avere 30.000 dipendenti in meno, con un organico complessivo che si ridurrà da 110’000 a 80’000 addetti. Lo ipotizza il portale zurighese Inside Paradeplatz, che guarda oggi non solo alla fusione Ubs-Credit Suisse, bensì anche a JPMorgan, che ha ridotto l’attività a Ginevra: potrebbe essere un segnale di una ben più ampia evoluzione in atto. Ip mette in evidenza la contrazione dell’offerta del colosso bancario statunitense nel campo dei cosiddetti family office (la gestione dei patrimoni di persone facoltose) nella città di Calvino. Malgrado i pochi dipendenti interessati dalla riorganizzazione si tratta di un passo molto significativo, sostiene IP. Gli americani non vedrebbero più un futuro radioso per i gestori patrimoniali esterni: sarebbero troppo costosi e troppo poco redditizi.

Sempre secondo il portale, l’autorità di vigilanza dei mercati finanziari Finma ha concesso circa 700 licenze per gestori patrimoniali entro la fine del 2022 e altri 1000 specialisti sarebbero in lista d’attesa, mentre ulteriori 1100 non vorrebbero saperne di ottenere un’attualizzazione. Questi ultimi si sarebbero quindi fermati e dietro di loro vi sarebbero clienti e beni che stanno lasciando il paese.

Inside Paradeplatz parla di somme miliardarie a due cifre che starebbero abbandonando la Svizzera, a causa degli eventi legati alla Russia, della nuova generazione di eredi in Germania e della concorrenza, per esempio di Dubai. Tutto questo starebbe portando a un’erosione dei ricavi, tanto più che anche gli stessi svizzeri lascerebbero meno beni sui loro conti o, sotto forma di investimenti, nei loro depositi: preferirebbero infatti investire i risparmi nelle loro case. Se i corsi borsistici dovessero in futuro scendere, invece che salire, le attività in gestione diminuirebbero ancora di più. Tutte queste tendenze starebbero colpendo in modo negativo i gestori e avrebbe spinto JPMorgan a muoversi. “Segnale di una tempesta in arrivo?”, si chiede in conclusione IP.

News dal Network

Promo