Dopo il libro shock rimosso il generale Roberto Vannacci. “Non mi aspettavo un simile polverone”

167 Visite

Il generale Roberto Vannacci, autore del discusso libro “Il mondo al contrario”, è stato rimosso dallo Stato maggiore dell’Esercito da capo dell’Istituto geografico militare. A quanto si apprende, sarebbe stato messo a disposizione del comando delle forze operative terrestri.

“Nessuna replica a quelle che sono decisioni gerarchiche, risponderò nelle sedi e nei tempi opportuni, indicati dalle mie sedi di comando”. In un’intervista a Rete4 il generale Roberto Vannacci risponde così ad una domanda sulla sua rimozione dal vertice dell’Istituto geografico militare di Firenze in seguito alle polemiche innescate dal suo libro.

“La promozione dell’odio? Anche questo concetto è stato travisato. L’odio è un sentimento, come l’amore, io dico che è lecito provare odio per qualcuno ma questo non significa istigare alla violenza – ha poi proseguito – mi sento libero di odiare uno stupratore o chi fa del male a un bambino senza per questo incitare ad usare violenza contro di lui”.

“Scusarmi con Paola Egonu? Non vedo perché”

“Non vedo perché dovrei scusarmi con Paola Egonu, contro di lei non ho usato alcuna espressione offensive, mi sono limitato a dire delle cose ovvie”. Il generale Roberto Vannacci difende dai microfoni di Rete4 quanto affermato sulla pallavolista azzurra nel suo libro. “Sul profilo Wikipedia di questa bravissima atleta c’e’ scritto che è nata da genitori di origine nigeriana; nei profili delle sue colleghe in azzurro non c’è riferimento alle loro origini. Questo semplicemente perché il colore della pelle di Egonu non la individua immediatamente come italiana, posto che da migliaia di anni lo stereotipo dell’italiano è quello di un individuo bianco. Ma tutto questo non significa essere razzisti”.

Agi 

News dal Network

Promo