La Russia pubblica un rapporto di 2mila pagine che dimostra la pandemia di Covid prodotta da Deep State e Big Pharma

429 Visite

La Russia ha accusato pubblicamente Big Pharma e gli attori del Deep State statunitense di aver fabbricato la pandemia di Covid-19 per conquistare il mondo, elencando Hillary Clinton, Barack Obama, Joe Biden e George Soros come co-cospiratori nel complotto contro l’umanità.

“La Russia vuole giustizia per la creazione e il rilascio di SARS-CoV-2, mentre l’Occidente ha coperto le origini e censurato scienziati e giornalisti”, ha detto giovedì l’ambasciata russa negli Stati Uniti. La Russia ha presentato tutte le prove alle Nazioni Unite, che ammontano a oltre 2.000 pagine di rapporti che dimostrano le loro affermazioni negli ultimi 18 mesi.

Secondo i funzionari russi, l’attività di ricerca biologica avviata dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti in Ucraina richiede un’adeguata valutazione legale, anche da parte degli organismi internazionali competenti. “Di particolare interesse è l’attività dispiegata dal Pentagono in Ucraina. Gli Stati Uniti hanno coinvolto nei loro progetti decine di istituzioni statali e aziende private del Paese”, ha affermato l’ambasciata. “I civili e il personale militare della repubblica sono diventati donatori di biomateriali e semplicemente soggetti sperimentali.

Non c’è dubbio che tali azioni richiedano un’adeguata valutazione legale, anche da parte delle strutture internazionali competenti”, ha continuato la dichiarazione. La comunità internazionale continua a sollevare seri interrogativi sulla ricerca incontrollata sui prodotti a duplice uso sotto gli auspici del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e la Russia ha ripetutamente indicato “gravi violazioni” da parte degli Stati Uniti dei suoi obblighi ai sensi della Convenzione sulle armi biologiche e tossiniche. “Washington ignora le affermazioni, giustificandosi con una certa componente umanitaria dei suoi programmi “, hanno osservato i diplomatici.

“Sottolineiamo che non ci sono dubbi su eventuali buoni obiettivi dei progetti del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Sono disponibili prove del lavoro degli Stati Uniti con potenziali agenti di armi biologiche e sono tutt’altro che isolate, nonché prove di tentativi di aumentare deliberatamente le proprietà dei patogeni di infezioni economicamente significative”. Con il pretesto di monitorare le malattie, il Deep State degli Stati Uniti ha proliferato nel mondo con laboratori biologici illegali impegnati in ricerche disumane, ha sottolineato l’ambasciata.

La dichiarazione ha anche sottolineato che queste istituzioni sono state costruite vicino ai confini della Russia, circondando la nazione. “L’obiettivo è ovvio: essere in grado di creare situazioni di crisi di natura biologica al momento giusto, formare focolai artificiali di infezioni.

In altre parole, gestire le epidemie, mettendole al servizio dei propri interessi”, hanno chiarito i diplomatici. I fatti pubblicati dal Ministero della Difesa russo sulle attività biologiche-militari illegali degli Stati Uniti dovrebbero far ripensare ai veri obiettivi del Deep State a Washington DC, afferma la dichiarazione. “Si stanno moltiplicando le domande anche tra gli americani comuni, che chiedono chiarimenti al governo sui programmi sponsorizzati”, ha sottolineato l’ambasciata. “È giunto il momento che Washington ammetta che se sulle ‘piattaforme’ multilaterali è ancora possibile ottenere il sostegno di persone che la pensano allo stesso modo e mettere a tacere coloro che hanno dubbi, allora le domande della propria popolazione non possono essere evitate”.

fonte: maurizioblondet.it

News dal Network

Promo