Al Ghetto di Roma tavola shabbat imbandita per gli ostaggi di Hamas

178 Visite

Nel quartiere ebraico di Roma, nella zona del portico d’Ottavia, è in corso una “tavolata” imbandita davanti alla Sinagoga in occasione dello Shabbat, per ricordare come precisa all’AGI un partecipante, “i nostri duecento fratelli israeliani che sono ostaggio di Hamas, che vorremmo fossero qui con noi o nelle loro case”.

“Al tavolo dello Shabbat le famiglie ebraiche si riuniscono per celebrare l’inclusione e la tenerezza del calore familiare” – ha detto il presidente della Comunità ebraica di Roma, Victor Fadlun – “questo tavolo ci serve per ricordare che circa duecento persone sono oggi ostaggio nell’inferno dei bunker di Gaza, e il nostro augurio è che queste persone e famiglie oggi imprigionate – ci sono foto di bambini di 4 anni o 9 mesi – possano presto riempire questo tavolo. E che torni la serenità per tutti. Spero e prego che il mondo aiuti Israele, che il mondo condanni questi avvenimenti”.

Video is loading   

Sulle sedie intorno alla tavolata ci sono i volti e i nomi degli ostaggi, quelli dei bambini sono sui seggioloni. “II 7 ottobre” – si legge nei cartelli – “quasi 200 civili israeliani innocenti sono stati rapiti e portati nella Striscia di Gaza. La loro posizione rimane sconosciuta. Più di 3.000 donneuomini e bambini, di età compresa tra i 3 mesi e gli 85 anni, sono stati feriti, uccisi, picchiati, violentati e separati brutalmente dal loro cari da Hamas”.

ghetto roma tavola shabbat imbandita ostaggi hamas© Alessio CampanaTavolata al Ghetto di Roma per ricordare gli ostaggi detenuti da Hamas 

Sulla tavola ci sono vino, le candele dello Shabbat e il pane del sabato, Challah. 

agi

News dal Network

Promo