L’Opera di Sydney compie 50 anni

[epvc_views]

Si celebra in Australia il 50esimo anniversario dell’Opera House di Sydney, che è diventata uno dei capolavori architettonici del XX secolo. In serata, uno spettacolo laser illuminerà le “vele” dell’edificio sul porto di Sydney. 50 anni fa, la regina Elisabetta II inaugurò la sala da concerto, che da allora è visitata da circa 11 milioni di persone all’anno.
Ma l’Opera House ha avuto una genesi complessa. Il suo architetto, il danese Jorn Utzon, non aveva mai messo piede nell’edificio che aveva progettato.

Nel 1956 vinse un concorso dopo aver battuto 232 altri candidati. L’anno successivo si trasferì in Australia con la famiglia per intraprendere il progetto. Ma nel 1966 Jorn Utzon lasciò il cantiere dell’edificio – il cui guscio era quasi completo – e abbandonò l’Australia in seguito a disaccordi con il ministro dei Lavori Pubblici dello Stato sulla visione, il budget e il finanziamento del progetto.
Altri architetti completarono l’edificio, modificando drasticamente i suoi piani per gli interni del teatro dell’opera.

E Jorn Utzon non tornò mai più in Australia. L’architetto originale dell’ormai iconico edificio morì a Copenaghen nel 2008. Un anno prima, l’Opera House di Sydney era stata inserita nella lista dei Patrimoni dell’umanità dell’Unesco, che l’aveva definita un “capolavoro dell’architettura del XX secolo”. La costruzione di questo innovativo edificio è durata 14 anni e il suo costo, inizialmente stimato in 7 milioni di dollari australiani, è salito a 102 milioni di dollari australiani al momento del completamento.

Il progetto è stato finanziato in gran parte da lotterie statali. Le “vele” a volta intrecciata, ricoperte da oltre un milione di piastrelle di produzione svedese, ospitano due teatri e un ristorante, appoggiati su una vasta piattaforma di cemento. Secondo l’Unesco, questa “grande scultura urbana” è “un esperimento audace e visionario che ha avuto un’influenza duratura sull’architettura emergente della fine del XX secolo”.

Il Teatro dell’Opera ha avuto anche la sua parte di divertenti colpi di scena. Negli anni ’80, fu installata una rete sopra la buca dell’orchestra del Teatro Joan Sutherland dopo che un pollo, protagonista di uno spettacolo d’opera, volò via dal palco e atterrò su un violoncellista. 

agi

News dal Network

Promo