Conto da capogiro ad Al Pacino per il mantenimento del figlio

125 Visite

Trentamila dollari al mese di alimenti a cui si dovranno aggiungere 13mila dollari per la nurse notturna, un contributo di 15mila dollari all’anno per il fondo ‘spese scolastichè, il rimborso totale delle spese sanitarie non coperte dall’assicurazione e la bellezza di 110 mila dollari da versare una-tantum, in base ai bisogni. è il conto a dir poco salato che la star del cinema Al Pacino (83 anni) dovrà versare all’avveduta ex fidanzata,  Noor Alfallah, di 54 anni più giovane di lui e mamma di Roman, l’unico figlio della coppia nato lo scorso giugno, dopo appena un anno di unione.

A stabilirlo è stato il Tribunale di Los Angeles precisando che  la custodia fisica di Roman (ultimo dei quattro figli che l’attore ha avuto da due donne diverse) spetterà alla madre, mentre “la custodia legale sarà condivisa”. Secondo quanto riportato dal New York Post citando fonti vicine alla coppia, la giovane Noor, pur provenendo da una famiglia molto benestante, ha sempre frequentato uomini molti più anziani e appartenenti al jet-set americano. Noor, riferisce la fonte in condizioni d’anonimato, “sta con Al da qualche tempo e il divario d’età non sembra essere un problema”.

Al Pacino e Noor Alfallah erano legati dall’aprile del 2022 anche se, a detta dei bene informati, si erano conosciuti e avevano cominciato a frequentarsi durante la pandemia da Covid. Il 6 giugno di quest’anno era nato, a Los Angeles, il loro figlio, Roman, e solo tre mesi dopo, a settembre, la ragazza aveva reso noto la documentazione legale presentata alla corte californiana per ottenere il mantenimento del figlio. 

Non sono state meglio precisate le cause di questa decisione. A Hollywood sono in molti a ritenere che non ci siano stati dissapori particolari nella coppia che, con tutta probabilità, continua a vedersi. Secondo The Blast, alla richiesta presentata in settembre dalla donna (senza indicazione sulla cifra del mantenimento) era stata anche allegato una “dichiarazione volontaria di parentela” firmata dalla coppia solo sei giorni dopo la nascita del figlio Roman. Un documento che riconosceva la piena paternità del bambino all’attore di Scarface peraltro siglato alla presenza di un testimone.

Pacino è anche padre di Julie (34 anni) e dei gemelli Olivia e Anton (22 anni) e, stando al New York Post, ha salutato l’ultimo nato definendolo un “miracolo speciale” e (vista l’avanzata età dell’attore) sicuramente inatteso. Il conto presentato dalla giovane (probabilmente ex) compagna non poteva esser da meno. 

agi

News dal Network

Promo