Il console italiano assume provvedimenti tutelari per Indi Gregory

[epvc_views]

“Ieri nel primo pomeriggio, su richiesta dei familiari di Indi Gregory, il console italiano a Manchester nella sua funzione di giudice tutelare ha emesso un provvedimento di urgenza, dichiarando la competenza del giudice italiano e autorizzando l’adozione del piano terapeutico proposto dall’ospedale Bambin Gesù di Roma e il trasferimento della minore a Roma”. Lo comunicano i legali della famiglia Gregory, secondo cui il console “ha anche nominato un curatore speciale per gestire le procedure. Il decreto è stato comunicato dal curatore al direttore generale dell’ospedale britannico al fine di favorire la auspicabile collaborazione tra le autorità sanitarie dei due Paesi ed evitare un conflitto di giurisdizione”, concludono i legali.

“Purtroppo per le malattie che non danno speranze di guarigione è sempre difficile capire quando staccare la spina. È una decisione che però spetta in caso di minori ai genitori”. A dirlo è Paolo Veronesi a margine della consegna al Teatro alla Scala di Milano, del premio ‘Lombardia è Ricerca’, il ‘Nobel’ da un milione di euro che ogni anno viene assegnato a chi si è distinto per la sua attività di ricerca, commentando il caso della bambina Indi.

“Naturalmente dare un parere sulle questioni legate ai bambini è sempre difficile perché i bambini non sono in grado di decidere e tutto viene rimandato alla volontà dei genitori”. E quindi “io credo che possiamo concordare sul fatto che per ogni genitore poter allungare anche magari di poco la vita di un bambino sia importante” e “quindi che il nostro sistema sanitario e in particolare l’ospedale Bambino Gesù di Roma si possa far carico di questo onere, la vedo come una cosa positiva. In molti paesi “a un certo punto si stacca la spina quando si potrebbe prolungare la vita del minore. Per gli adulti è diverso, hanno il diritto di autodeterminare la propria esistenza e quindi anche di anticipare il fine vita se le sofferenze diventano insopportabili e non passibili di cure”, ha sottolineato. L’alleanza terapeutica “è assolutamente importante. Bisogna essere vicini ai genitori che, nel corso della breve vita del loro bimbo, possono avere modo di elaborare questo probabile lutto e alla fine si trovano anche più preparati ad affrontare questa situazione. Dare il tempo ai genitori di abituarsi a questa triste prospettiva”, ha concluso. 

agi

News dal Network

Promo