Così gli Huthi dello Yemen possono colpire Israele

116 Visite

I ribelli Huthi dello Yemen, milizia sostenuta dall’Iran che ha preso il controllo della capitale yemenita Sanaa nel 2014, hanno lanciato una serie di attacchi con droni e missili contro Israele per la sua guerra contro Hamas, anche se la maggior parte di essi non ha raggiunto gli obiettivi. Ecco alcuni dati chiave sulle capacità militari del gruppo.

Missili balistici

Gli Huthi devono coprire almeno 1.600 chilometri di distanza per colpire la punta più meridionale di Israele. Gli Huthi hanno un arsenale di missili balistici che chiamano Typhoon, il nome che hanno dato al missile iraniano Qadr, secondo Fabian Hinz dell’International Institute for Strategic Studies. Ha una gittata di 1.600-1.900 chilometri, dice Hinz, ricercatore per la difesa e l’analisi militare. “È molto impreciso, almeno nella versione che ci hanno mostrato, ma dovrebbe essere in grado di raggiungere Israele”.

L’Iran ha effettuato test dei suoi missili Qadr nel 2016, colpendo obiettivi a circa 1.400 chilometri di distanza. Mohammed Albasha, analista senior per il Medio Oriente del Navanti Group, con sede negli Usa, spiega che gli Huthi hanno svelato il loro arsenale di missili Typhoon poche settimane prima dell’attacco del 7 ottobre di Hamas contro Israele.

Missili da crociera

Secondo Hinz, i ribelli, che controllano gran parte dello Yemen settentrionale, dispongono anche del missile da crociera Quds, sempre di produzione iraniana. Esistono diverse versioni del Quds, alcune delle quali hanno una gittata di circa 1.650 chilometri, sufficiente a raggiungere Israele. Nel 2022, gli Huthi hanno dichiarato di aver usato missili da crociera Quds 2 per colpire impianti petroliferi ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti. I missili guidati e motorizzati hanno percorso piu’ di 1.126 chilometri dal nord dello Yemen. Gli Huthi hanno usato il missile Quds 2 anche nel 2020 per colpire strutture in Arabia Saudita.

Droni

L’Arabia Saudita e gli Usa hanno ripetutamente accusato l’Iran di fornire agli Huthi droni, missili e altre armi, accusa che Teheran nega. Gli Huthi dicono di fabbricare i loro droni in patria, anche se gli analisti sostengono che contengano componenti iraniani di contrabbando. Il loro arsenale comprende i droni iraniani Shahed-136 che la Russia sta usando contro l’Ucraina, secondo Hinz.

Hanno un raggio d’azione di circa 2.000 chilometri. Un altro modello di drone, il Samad-3, è a loro disposizione: “Non conosciamo la portata esatta, ma dovrebbe essere di circa 1.600 chilometri”, ha detto Hinz. Gli Huthi hanno utilizzato i droni Samad-3 in attacchi contro gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita. Il Samad-3 può essere equipaggiato con 18 chili di esplosivo. I droni degli Huthi usano la guida GPS e “volano autonomamente lungo waypoint pre-programmati” verso i loro obiettivi.  

Agi 

News dal Network

Promo