Calcio Italia, il peggior avversario possibile: la sfida con la Macedonia del Nord rievoca ricordi drammatici

165 Visite

Con il ritorno dell’ombra delle scommesse illegali che, come nella scorsa sosta, hanno appesantito l’aria della nazionale italiana, è tempo di riprendere anche il discorso qualificazione ad Euro 2024. Due scontri da dentro o fuori per gli azzurri che devono, però, andare avanti per gradi. Il primo scontro è contro la Macedonia del Nord, un match diventato per l’Italia un vero e proprio tabù negli ultimi anni. Va allontanato il ricordo di quel triste 24 marzo che vide la squadra, in quei giorni allenata da Roberto Mancini, eliminata alle qualificazioni per i Mondiali proprio dai macedoni.

Allo stadio Olimpico di Roma (calcio d’inizio alle 20.45 di venerdì 17 novembre) il team di Luciano Spalletti va alla ricerca di tre punti preziosissimi che permetterebbero agli azzurri di andarsi a giocare la qualificazione nell’ultimo match, su campo neutro (a Leverkusen), contro l’Ucraina per tentare di ottenere l’ultimo pass per la competizione europea. L’Italia viene dalla pesante sconfitta contro l’Inghilterra per 3-1 del 17 ottobre che ha peggiorato in maniera esponenziale il percorso azzurro, ma in precedenza i successi contro Malta e Ucraina sono stati molto importanti per mantenersi vicina alla nazionale gialloblù. Oggi, però, non è più tempo di fare calcoli per gli uomini di Spalletti che hanno il dovere di puntare al massimo e di scacciare i fantasmi della mancata qualificazione alla scorsa edizione dei mondiali.

Foto: ANSA

News dal Network

Promo