Valigie pronte per oltre 19 milioni di italiani

74 Visite

Oltre 19 milioni di italiani hanno deciso di mettersi in viaggio in occasione delle festività natalizie e la stragrande maggioranza (95% per Natale e 91,7% per Capodanno) resterà in Italia: la scelta di recarsi all’estero riguarda un numero ridotto di viaggiatori che puntano comunque alle grandi capitali europee.

È quanto rivela l’indagine previsionale realizzata da ACS Marketing Solutions per la Federalberghi, secondo cui aumenta la percentuale di coloro che intendono prolungare la vacanza fino a Capodanno (17,5%). In aumento del 14,4% il giro di affari globale per le feste, stimato in 14 miliardi e 993 milioni.

Si spende di più – osserva la ricerca – ma a causa delle difficoltà dovute all’aumento del costo della vita, in realtà si tende a ridurre drasticamente le spese di alloggio, cibi e divertimenti.
Tra chi rimarrà nel Belpaese, il 55,2% non uscirà dalla propria regione. La classifica delle destinazioni italiane preferite vede in testa la montagna (30,2%), seguita dalle città diverse da quella di residenza (23,4%), dalle località d’arte (19,9%) e dalle località balneari (17,4%).

Se per i giorni di Natale la motivazione del viaggio riguarda circa 13,2 milioni di italiani ed è legata soprattutto al desiderio di ricongiungersi alle famiglie, scartare insieme i regali e rilassarsi restando vicini a casa, per il Capodanno si cerca soprattutto relax e divertimento, magari scegliendo di andare all’estero: dei 5 milioni e 900 mila individui che hanno programmato la vacanza per il periodo di San Silvestro, l’8,3% infatti ha scelto di recarsi fuori d’Italia, principalmente nelle grandi capitali europee.

“Lo scenario che ci mette di fronte la nostra indagine è quello di una ripresa, questo si’, ma dura. Perché non credo si possa sottovalutare il fatto che, tra coloro che hanno deciso di non partire, un buon 49,5% si è trovato di fronte ad una scelta obbligata per motivi economici”, commenta il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca. “I nostri concittadini sembrano sempre più orientati a dare maggior corpo alla durata della propria vacanza – aggiunge Bocca – Questo è senza dubbio un dato che colpisce positivamente, perché restituisce in effetti la sensazione di tornare ad una sorta di normalità che si era persa negli anni terribili della pandemia”.

agi

News dal Network

Promo