Il Consiglio d’Europa si esprimerà sulla legge sull’amnistia spagnola

93 Visite

 Il Consiglio d’Europa esaminerà “con urgenza” se la legge sull’amnistia varata in Spagna soddisfa gli standard democratici. L’organo europeo inoltre, preparerà uno studio più generale sui criteri che un’amnistia deve soddisfare per rispettare lo stato di diritto.

La Commissione di Venezia, organo consultivo del Consiglio d’Europa, pubblicherà un parere sulla legge di amnistia che il PSOE ha concordato con Junts e ERC per consentire la nascita del governo di Pedro Sánchez “al più tardi entro il marzo 2024”, hanno fatto sapere fonti dell’organismo europeo a Europa Press, una decisione presa in sessione plenaria in risposta alla richiesta avanzata dal Senato la scorsa settimana di un parere urgente con l’obiettivo di avere la valutazione della Commissione di Venezia in tempo per il dibattito che si terrà in aula sulla legge di amnistia.

La decisione di accettare la richiesta è stata presa dalla Commissione di Venezia durante la sessione plenaria di venerdì e sabato scorsi, anche se le sue conclusioni sono state rese pubbliche solo lunedì, quando è stata pubblicata la sinossi della riunione. In questo modo, l’organismo europeo preparerà il suo parere sul progetto di legge parlamentare “sull’amnistia per la normalizzazione istituzionale, politica e sociale” della Catalogna “il prima possibile”.

La Commissione di Venezia è un organo consultivo del Consiglio d’Europa, quindi le sue conclusioni non sono vincolanti per gli Stati membri, ma è considerata una voce autorevole in materia di stato di diritto, giustizia e diritti fondamentali.

Anche la Commissione europea sta esaminando la legge concordata dal PSOE con Junts e ERC, ma i servizi legali di Bruxelles non emetteranno il loro parere fino a quando la legge non avrà completato il suo iter parlamentare e non avrà adottato la sua forma definitiva, compresi gli emendamenti.

agi

News dal Network

Promo