Natale: sette consigli per sopravvivere alle Feste

78 Visite

Innumerevoli film lo hanno raccontato in ogni modo, la nostra esperienza personale spesso lo testimonia: Natale sta alla salute come una mazza sta alle rotule e il rischio di trasformare la festa delle Feste in un pasticcio  sgradevole è in agguato.

Discussioni familiari, abbuffate, fiamme libere e ore piccole sono in agguato e per questo il Guardian ha deciso di stilare un prontuario per non farsi fregare proprio nella notte di Natale.

Ecco i consigli che dovrebbero aiutare ad arrivare a gennaio senza troppi danni.

– Non siete costretti ad abbuffarvi –
Quando si arriva a Natale, mangiare è una maratona, non uno sprint. Pensate a cosa mangiate durante l’intera giornata, non solo a un singolo pasto. Inoltre, ricordate che ci vogliono circa 20 minuti perché  dallo stomaco arrivi al cervello il segnale che fa sentire pieni, quindi magari create una pausa – anche una passeggiata o un gioco – tra la portata principale e il dessert. Come nel resto dell’anno, cercate di inserire nella dieta quanti più alimenti freschi, fibre, frutta e verdura possibile, magari provando a mangiarli senza prima soffriggerli.

– Come evitare un’intossicazione alimentare –
Assicuratevi di cucinare il cibo correttamente, resistete alla tentazione di portare in tavola maiale mezzo crudo solo perché siete stretti con i tempi e quando rimettete gli avanzi in frigo separate la carne cruda da quella cotta.

– Come evitare la Grande Discussione di Natale – 
Quando si partecipa a una festa natalizia con la famiglia, bisogna mettere in atto gli stessi meccanismi di sicurezza che si attivano in vista di una riunione di lavoro: annotare i punti chiave delle proprie argomentazioni, pianificare ciò che si vuole dire e, se un parente dice o qualcosa che turba, contare fino a 10, cambiare argomento o lasciare la stanza. 

– L’influenza sotto l’albero –
Fate il vaccino contro l’influenza: sfortunatamente siamo nella fase in cui è troppo tardi per essere immuni entro Natale se non si è ancora fatto il vaccino, ma non è troppo tardi in un quadro più ampio perché l’influenza di solito raggiunge il picco tra dicembre e gennaio. Se si trascorre il Natale con un  soggetto fragile e qualcuno si presenta alla porta grondante di moccio e tossendo come un cane terranova, chiedetegli gentilmente di tornare un’altra volta.

– Un Natale da spot – 
Non aspettatevi una festa come quella delle pubblicità e, se trascorrete le feste in solitudine, potrebbe essere utile prendersi una pausa dai social e distrarsi con qualcosa di semplice come un film o un libro ambientato in estate.

– Alcol e fuoco non vanno d’accordo –  
Quando si tratta delle feste di Natale è facile esagerare con l’alcol. Ci sono tantissimi incidenti e molti accadono in cucina con tagli e bruciature. Assicuratevi che chiunque sia un po’ brillo sia tenuto lontano dagli oggetti taglienti, caldi, appuntiti e distruttibili.

– Dormite – 
Il sonno è estremamente importante per il sistema immunitario. Assicuratevi che la camera da letto e il letto siano comodi (non troppo caldi, freddi o rumorosi), fate esercizio fisico regolare, annotate tutto ciò che vi preoccupa e, se non riuscite ad affrontarlo subito, consolatevi con la certezza che lo farete presto. Non lasciate che le abbuffate natalizie vi spingano a bere troppa caffeina (che si nasconde in alcune bevande gassate così come nel caffè e nel tè).

agi

News dal Network

Promo