Natale in Terrasanta. La guerra ferma turisti e celebrazioni

118 Visite

Nessun albero di Natale gigante, nessun presepe sgargiante, poca gioia. Un velo di tristezza ha avvolto Betlemme, una città che di solito è addobbata a festa per il Natale, ma che quest’anno è stata offuscata dalla guerra nella Striscia di Gaza.

Pochi fedeli e turisti hanno percorso le strade della città palestinese nella Cisgiordania occupata, che secondo la tradizione cristiana è il luogo di nascita di Gesù Cristo. I turisti hanno abbandonato la regione dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas, il 7 ottobre. Per quanto riguarda i cristiani palestinesi, il loro cuore non è nelle celebrazioni, che sono state in gran parte cancellate dalla municipalità, poiché non possono rimanere indifferenti alla sorte dei loro concittadini, assediati e bombardati a Gaza.

“Molti di loro stanno morendo per questa terra, ed è molto difficile festeggiare qualcosa quando la nostra gente sta morendo”, ha detto Nicole Najjar, una studentessa di 18 anni nella deserta Place de la Mangeoire.

Di fronte alla Basilica della Natività, al posto del presepe a grandezza naturale e del colossale albero di Natale è stata installata a terra un’opera d’arte che evoca la tragedia di Gaza: Maria e Giuseppe, statue grigie, in mezzo a un’accozzaglia di detriti e lamiere, dietro il filo spinato. Sull’edificio accanto, un grande striscione: “Fermate il genocidio, fermate lo sfollamento, togliete il blocco”: “le campane di Betlemme suonano per un cessate il fuoco a Gaza”. 

agi

News dal Network

Promo