IA: Intelligenza artificiale

77 Visite

IA: Intelligenza artificiale

“Molte persone non capiscono cosa sia davvero una città di 15 minuti. Come numerose descrizioni del progetto notano, non si tratta solo di comodità o accesso ravvicinato ai servizi, si tratta di cambiare ogni aspetto della nostra attuale filosofia di vita. È il culmine, il gioco finale; una prigione enorme senza sbarre. Un luogo in cui si è condizionati ad abituarsi a limitazioni artificiali sulla privacy, nessuna libertà civile, nessuna proprietà privata, e nessuna opzione di lavoro o mobilità.

Queste città saranno progettate per CONTROLLARTI meglio, in modo che tu possa essere costretto a fare i sacrifici che dicono siano necessari perché la sostenibilità sia possibile. Finché sei produttivo e sottomesso, avrai le cose di cui hai bisogno per sopravvivere, ma mai per prosperare. Ti sarà richiesto di rinunciare a tutta la libertà, anche alla libertà di pensiero.

In un mondo in cui molte persone sono considerate “eccesso di popolazione”, potresti facilmente essere sostituito e cacciato fuori dalla città per morire di fame.” *

I pali della pubblica illuminazione lungo le strade e le antennine sui lampioni della luce a LED, a che servono? Sono antenne!

“Anas Smart Road”, investimento di 1 miliardo di euro, progetta con il supporto dell’intelligenza artificiale, big data e dell’internet delle cose 5G, circa 6.700 km di strade entro il 2032.

Auto elettriche, senza conducente, droni. Cosa vuol dire? Una overdose elettromagnetica di agenti possibili cancerogeni nel wireless a danno della nostra salute, limitazione degli spostamenti e delle libertà personali su auto gestiti da algoritmi e intelligenza artificiale, blocco del traffico non autorizzato, ztl, tecno controllo digitale da remoto.

Il nuovo “umanesimo” tecno-digitale sta cambiando il volto delle strade italiane e delle città. La transizione digitale sarà la fine dell’umanesimo.

Utile la riflessione del Presidente Putin: “Dobbiamo pensare a come si sentiranno gli esseri umani tra le macchine, macchine nel senso ampio del termine. Dove sono i limiti allo sviluppo dell’intelligenza artificiale? Tali questioni etiche, morali e sociali stanno causando gravi controversie nel nostro Paese e in tutto il mondo. Ci sono anche proposte per sospendere ulteriori lavori nel campo dell’intelligenza generativa, e ancor più, della cosiddetta intelligenza artificiale forte, che, secondo le previsioni, avrà capacità cognitive super potenti.”

Ciò che è artificiale non può essere intelligente. Tra l’altro il contenuto di tale “intelligenza” è stato redatto da gente stupida e pericolosa. Tanto è vero che un robot Tesla ha attaccato un ingegnere in una fabbrica in Texas lasciando una “scia di sangue” e costringendo i lavoratori a premere il pulsante di arresto di emergenza. Due testimoni hanno assistito con orrore all’attacco di un loro collega da parte della macchina progettata per afferrare e spostare parti di automobili in alluminio appena fuso. Il robot aveva bloccato l’uomo, che stava programmando un software per due robot. **

Dobbiamo opporci a tutto ciò.

*https://www.imolaoggi.it/2023/11/26/piazza-liberta-ritorna-domenica-26-novembre-2023/

**https://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-12869629/Tesla-robot-ATTACKS-engineer-companys-Texas-factory-violent-malfunction-leaving-trail-blood-forcing-workers-hit-emergency-shutdown-button.html .  

 

 

 

News dal Network

Promo