Imperia, morta l’88enne che aveva ricevuto bolletta dell’acqua da 15mila euro

66 Visite

Non ce l’ha fatta Caterina Giovinazzo, l’88enne che aveva accusato un malore dopo aver ricevuto una bolletta dell’acqua da oltre 15mila euro: la donna è morta la Vigilia di Natale presso l’ospedale Borea di Sanremo, dove era ricoverata in condizioni gravissime. Ora, riporta Il Secolo XIX, i familiari dell’anziana non escludono di rivolgersi a un legale per fare luce sulla vicenda.

I fatti risalgono agli inizi di dicembre, quando la donna ha scoperto di dover pagare al gruppo Iren, a cui faceva affidamento per il rifornimento idrico, ben 15.339 euro. Non solo, la sua banca aveva già autorizzato il pagamento di metà della somma richiesta; l’88enne si era dunque sentita male ed era stata trasportata d’urgenza in ospedale. 

Poco dopo, i familiari, si erano rivolti al gruppo Iren per avere chiarimenti: la società ha ammesso, scusandosi, che si è trattato di un’erronea lettura del contatore. “La fattura era stata calcolata sulla base di una foto-lettura non corretta – spiega la società – Era stata acquisita da Ireti tramite la società addetta alle rilevazioni delle misure e si riferiva ad un contatore di terzi. Il reale consumo di Caterina Giovinazzo ammontava a soli 55 euro”. I funerali si terranno domani mattina presso la chiesa parrocchiale di San Marco Evangelista a Camporosso.


ADNKRONOS

News dal Network

Promo