Un anno di cinema, tra successi, flop e riscatti

90 Visite

 Il 2023 del cinema italiano ha visto due nomi primeggiare su tutti: Matteo Garrone e Paola Cortellesi. Il regista romano si conferma uno dei migliori talenti della nuova generazione e alla Mostra del Cinema di Venezia conquista, con ‘Io capitano’, un film difficile sull’odissea di due migranti africani che cercano di arrivare in Italia, il Leone d’Argento per la miglior regia. Un premio e un consenso unanime per un film con attori africani, recitato nella loro lingua e in francese, che l’Italia candida all’Oscar per il miglior film non in lingua inglese (è entrato nella short list di 15).

Discorso a parte merita Paola Cortellesi. L’attrice debutta alla regia con un film molto particolare e coraggioso, ‘C’è ancora domani’, vincitore di tre premi alla Festa del Cinema di Roma, tra cui il premio del pubblico. Lei stessa ha dichiarato scherzando che i suoi produttori sono pazzi perché hanno accettato di finanziare un film che lei gli aveva presentato così: “Voglio fare una commedia in bianco e nero, una storia che parla di violenza familiare e che è ambientata a Roma nel 1946”.

La follia però è stata premiata e, così come il pubblico del festival romano, anche quello italiano è accorso a vedere il film e ad applaudire gli attori (la stessa Cortellesi, Valerio Mastandrea, Giorgio Colangeli, Vinicio Marchioni, Emanuela Fanelli), facendo di ‘C’è ancora domani’ il film campione d’incasso in Italia del 2023 (insieme al blockbuster supercandidato all’Oscar ‘Barbie’) con circa 32 milioni di euro.

Proprio ‘Barbie‘, insieme a ‘Oppenheimer‘, è stato il film che ha segnato la riscossa di Hollywood nel 2023. Si è parlato di un fenomeno culturale, ribattezzato ‘Barbenheimer’, per la distribuzione cinematografica simultanea di due film blockbuster diversissimi e subito campioni d’incasso avvenuta il 21 luglio negli Stati Uniti e in svariati altri Paesi del mondo.

‘Barbie’ della Warner Bros. Pictures diretto da Greta Gerwig e ‘Oppenheimer’ della Universal Pictures diretto da Christopher Nolan. Il forte contrasto in termini di tematiche e contenuti tra la commedia fantasy con Margot Robbie sulla fashion doll Barbie, e il biopic epico con Cillian Murphy sul fisico J. Robert Oppenheimer (direttore scientifico del progetto Manhattan, che portò alla realizzazione delle prime bombe atomiche), entrambi destinati a fare incetta di Oscar il prossimo marzo, ha suscitato un’enorme partecipazione sui social da parte degli utenti di Internet che si sono sbizzarriti in meme e merchandise.

Con l’avvicinarsi della data di uscita dei due film, la discussione si è concentrata sull’opportunità di guardare le pellicole come doppio spettacolo (anche lo stesso giorno), nonché sull’ordine in cui guardarli, invece di generare una rivalità. Variety ha definito il fenomeno come “l’evento dell’anno” e ad agosto 2023 Full Moon Features ha annunciato la produzione di un film basato sul fenomeno, la cui distribuzione è prevista per l’inizio del 2024 da Amazon Prime Video.

agi

News dal Network

Promo