Lgbtq: benedizioni alle coppie gay, il vademecum del Vaticano

87 Visite

Il dicastero per la Dottrina della Fede, tornando sulle benedizioni alle coppie dello stesso sesso dopo la levata di scudi dei giorni scorsi da parte di diverse Conferenze episcopali, fornisce il vademecum di come le benedizioni dovranno svolgersi. Dovranno essere “benedizioni di pochi secondi, senza Rituale e senza Benedizionale”, precisa il Dicastero per la Dottrina della fede. “Se si avvicinano insieme due persone per invocarla, semplicemente si chiede al Signore pace, salute e altri beni per queste due persone che la richiedono – le indicazioni -. Allo stesso tempo si chiede che possano vivere il Vangelo di Cristo in piena fedeltà e che lo Spirito Santo possa liberare queste due persone da tutto ciò che non corrisponde alla sua volontà divina e di tutto ciò che richiede purificazione”.

“Questa forma di benedizione non ritualizzata, con la semplicità e la brevità della sua forma, non pretende di giustificare qualcosa che non sia moralmente accettabile”, chiarisce il dicastero: “Ovviamente non è un matrimonio, ma non è neanche un’approvazione né la ratifica di qualcosa. È unicamente la risposta di un pastore a due persone che chiedono l’aiuto di Dio. Perciò, in questo caso, il pastore non pone condizioni e non vuole conoscere la vita intima di queste persone”.

L’ex Sant’Uffizio sottolinea che quando la benedizione è chiesta da una coppia irregolare , “benché espressa al di fuori dei riti previsti dai libri liturgici, mai verrà svolta contestualmente ai riti civili di unione e nemmeno in relazione a essi. Neanche con degli abiti, gesti o parole propri di un matrimonio. Lo stesso vale quando la benedizione è richiesta da una coppia dello stesso sesso”. Resta chiaro che “non deve avvenire in un posto importante dell’edificio sacro o di fronte all’altare, perché anche questo creerebbe confusione. Ogni vescovo nella sua diocesi è autorizzato dalla Dichiarazione Fiducia supplicans ad attivare questo tipo di benedizioni semplici, con tutte le raccomandazioni di prudenza e di attenzione, ma in nessun modo è autorizzato a proporre o ad attivare benedizioni che possano somigliare a un rito liturgico”.

News dal Network

Promo