Due donne uccise nell’Agrigentino, una era semi carbonizzata

80 Visite

 I cadaveri di due donne, originarie della Romania, sono stati trovati all’alba all’interno di due abitazioni di Naro, nell’Agrigentino. Una delle due, quasi carbonizzata, è stata trovata in un appartamento in Cortile Avenia che era stato dato alle fiamme. Successivamente è stato trovato il corpo di un’altra donna in un’abitazione di via Vinci, non molto distante dal primo.

La donna carbonizzata è stata trovata con il volto sul pavimento vicino alla porta di uscita. Gli inquirenti sono convinti che abbia provato a fuggire venendo poi investita dalle fiamme che, secondo una prima ricostruzione, sarebbero state appiccate a una poltrona.

Sono i primi punti fermi dell’indagine, svolta sul campo dai carabinieri sul caso delle due donne uccise a Naro, nell’Agrigentino. L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Salvatore Vella e dal pm Elettra Consoli, presenti sul posto.

La prima vittima si chiamava Delia Zarniscu e aveva 58 anni. A 150 metri, invece, all’alba è stato trovato il corpo di Maria Rus, 54 anni, anche lei romena. La sua abitazione è stata messa a soqquadro e la donna è stata uccisa con numerose coltellate.

I carabinieri hanno fermato per accertamenti alcuni connazionali delle vittime.

agi

News dal Network

Promo