Germania: proteste degli agricoltori causano il caos nel Paese

84 Visite

Gli agricoltori tedeschi stanno protestando contro i cambiamenti delle politiche agricole del governo, causando disordini in diverse regioni della Germania settentrionale e orientale. Nello stato tedesco nord-orientale del Meclemburgo-Pomerania occidentale gli agricoltori hanno bloccato gli ingressi autostradali con centinaia di trattori in tutto lo Stato. A sostenerli sono le aziende di trasporto che protestavano contro l’aumento dei pedaggi dei camion.

Nel distretto di Cloppenburg, nel nord-ovest della Bassa Sassonia, una strada principale è stata bloccata da 40 veicoli. In Sassonia, secondo la polizia, alcuni svincoli autostradali nella zona di Dresda sarebbero stati bloccati. Ci sono stati assembramenti sulle autostrade A4, A13, A14 e A17. A Berlino la situazione era inizialmente calma stamattina presto, ma già domenica sera i trattori avevano cominciato a radunarsi davanti alla Porta di Brandeburgo, nel centro di Berlino.

Una delle strade principali vicino alla Porta di Brandeburgo resterà chiusa tutto il giorno a causa di una manifestazione programmata. L’Associazione degli agricoltori aveva chiesto una settimana di proteste per manifestare contro la cancellazione dei sussidi al settore. La questione principale riguarda le agevolazioni fiscali per il gasolio agricolo. La parziale cancellazione dei piani di risparmio del governo federale non ha fermato le proteste.

A Erfurt si prevede che 900 trattori parteciperanno ad una protesta in Turingia. Nel nord della Germania, la città di Amburgo ha avvertito in anticipo dei disagi al traffico perché gli agricoltori del vicino Schleswig-Holstein intendono recarsi ad una manifestazione in città da diverse direzioni. Gli agricoltori della Bassa Sassonia vogliono partire per una manifestazione a Brema.

Gli agricoltori tedeschi sono indignati per la riduzione prevista dal governo federale dei sussidi agricoli, compresi quelli per il carburante, sebbene alcune misure siano già state ritirate. Lo scopo delle interruzioni pianificate dall’associazione dei contadini è quello di garantire che il governo del cancelliere Olaf Scholz annulli completamente i tagli previsti.

News dal Network

Promo