Smettere di fumare con lo svapo fa bene

120 Visite

Secondo l’ultima revisione Cochrane condotta da un ricercatore sulla salute pubblica e sulle politiche sanitarie dell’Università del Massachusetts Amherst, le sigarette elettroniche alla nicotina sono più efficaci nell’aiutare le persone a smettere di fumare rispetto alla terapia sostitutiva convenzionale della nicotina (NRT).

La revisione degli studi pubblicati sul Cochrane Database of Systematic Reviews ha trovato prove con elevata certezza che le sigarette elettroniche, che consentono agli utenti di “svapare” la nicotina invece di fumarla, portano a maggiori possibilità di smettere di fumare rispetto a cerotti, gomme da masticare, pastiglie o altri prodotti tradizionali. NRT.

“In Inghilterra, a differenza del resto del mondo, le sigarette elettroniche sono state adottate dalle agenzie di sanità pubblica come strumento per aiutare le persone a ridurre i danni derivanti dal fumo”, afferma Jamie Hartmann-Boyce, assistente professore di politica e promozione della salute in la Scuola di Sanità Pubblica e Scienze della Salute. In tutto il mondo, il fumo è la principale causa di malattie e di morte prevenibili, provocando oltre sette milioni di decessi all’anno.

“La maggior parte degli adulti negli Stati Uniti che fumano vogliono smettere, ma molti trovano davvero difficile farlo”, afferma Hartmann-Boyce, che ha condotto una ricerca presso l’Università di Oxford in Inghilterra prima di unirsi all’UMass Amherst all’inizio di quest’anno. “Abbiamo bisogno di una serie di opzioni basate sull’evidenza che le persone possano utilizzare per smettere di fumare, poiché alcune persone proveranno molti modi diversi per smettere prima di trovarne uno che funzioni per loro”.

Hartmann-Boyce, un editore di Cochrane, è l’autore senior della revisione, che comprendeva 88 studi e più di 27.235 partecipanti – un’aggiunta di 10 studi dall’ultimo aggiornamento nel 2022. La maggior parte degli studi analizzati ha avuto luogo negli Stati Uniti, nel Regno Unito o l’Italia.

Le sigarette elettroniche non bruciano tabacco ma piuttosto riscaldano liquidi con nicotina e aromi, consentendo agli utenti di inalare un vapore che contiene nicotina anziché inalare il fumo di tabacco. Con le sigarette convenzionali, le persone che fumano sono esposte a una complessa miscela di sostanze chimiche note per causare malattie.

“Abbiamo prove molto chiare che, sebbene non siano esenti da rischi, le sigarette elettroniche alla nicotina sono sostanzialmente meno dannose del fumo”, afferma Hartmann-Boyce. “Alcune persone che non hanno avuto successo in passato con altri aiuti per smettere di fumare hanno scoperto che le sigarette elettroniche le hanno aiutate.”

L’analisi ha rilevato che per ogni 100 persone che usano sigarette elettroniche alla nicotina per smettere di fumare, ci si aspetta che 8-10 smettano con successo, rispetto a 6 persone su 100 che usano la tradizionale terapia sostitutiva della nicotina e a 4 su 100 che provano a smettere senza alcun aiuto.

La revisione regolare degli studi sulla cessazione del fumo continua a offrire prove evidenti che possono informare le politiche e le strategie di sanità pubblica, offrendo alle persone che fumano strumenti migliori per smettere definitivamente. Hartmann-Boyce sottolinea che il messaggio sulla salute pubblica è articolato e complesso, soprattutto negli Stati Uniti Mentre coloro che non fumano tabacco dovrebbero evitare l’uso delle sigarette elettroniche per i loro potenziali effetti negativi sulla salute, afferma Hartmann-Boyce, alcune persone che fumano possono migliorare la propria salute e ridurre i rischi smettendo di fumare con l’aiuto delle sigarette elettroniche.

“Non tutto è del tutto dannoso o benefico”, afferma Hartmann-Boyce. “Cose diverse possono avere impatti diversi su popolazioni diverse. Le prove dimostrano che le sigarette elettroniche alla nicotina possono aiutare le persone a smettere di fumare e che le persone che non fumano non dovrebbero usare le sigarette elettroniche”. Confronta lo scenario del fumo di tabacco rispetto a quello della sigaretta elettronica con il trattamento di un disturbo da uso di sostanze che coinvolge oppioidi.

“Non prescriveremo il metadone a persone che non sono dipendenti da oppioidi”, afferma Hartmann-Boyce. “Ma per le persone dipendenti dagli oppioidi, riconosciamo che il metadone è una cosa utile”. La Food and Drug Administration (FDA) statunitense, che regolamenta le sigarette elettroniche, ha approvato sette diversi farmaci che hanno dimostrato di aiutare gli adulti a smettere di fumare.

Le sigarette elettroniche non sono una di queste. All’inizio di quest’anno, in un aggiornamento sul programma sul tabacco della FDA, il commissario della FDA Dr. Robert Califf ha dichiarato: “Mentre alcune sigarette elettroniche possono aiutare i fumatori adulti ad abbandonare completamente o ridurre significativamente il loro uso di sigarette bruciate più dannose, la legge pubblica gli standard sanitari bilanciano tale potenziale con il rischio noto e sostanziale per quanto riguarda l’attrattiva, l’adozione e l’uso da parte dei giovani di questi prodotti che creano elevata dipendenza”.

agi

News dal Network

Promo