Carestia crimine di guerra

[epvc_views]

L’intera popolazione di Gaza sta affrontando una grave crisi alimentare, secondo un nuovo rapporto dell’Integrated Food Security Phase Classification (IPC) sostenuto dalle Nazioni Unite, rendendo la carenza di cibo a Gaza la peggiore che il gruppo abbia mai osservato.

Il rapporto dell’IPC pubblicato giovedì rileva che tutti i 2,2 milioni di persone a Gaza si trovano in quello che l’IPC classifica come livello di insicurezza alimentare di Fase 3, o livello di “crisi”, in cui le famiglie si trovano ad affrontare gravi problemi di carenza alimentare, o ancora peggio. Questo è il numero più alto di persone a questo livello di insicurezza alimentare che l’IPC abbia mai riscontrato, ha affermato il gruppo.

Tra le persone nella Fase 3 dell’IPC o superiore, il 50% si trova già nella Fase 4, ovvero insicurezza alimentare di “emergenza”, mentre un quarto della popolazione, ovvero circa 570.000 persone, si trova già nella “carestia” alimentare vera e propria, Fase 5. La Fase 5 rappresenta il livello più alto di insicurezza alimentare ed è “caratterizzata da famiglie che sperimentano un’estrema mancanza di cibo, fame ed esaurimento delle capacità di resistere”, afferma il rapporto. Questa fase di fame è iniziata l’8 dicembre e si prevede che continui fino all’inizio di febbraio, ha rilevato l’IPC.

 

“Non potrebbe diventare peggio di così”, ha detto all’Associated Press Arif Husain, il principale economista del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite. “Non ho mai visto qualcosa di così esteso come sta accadendo a Gaza. E a questa velocità, soprattutto. Quanto velocemente è successo, nel giro di soli due mesi.

Il rapporto afferma che la ragione della carestia è il blocco da parte di Israele dell’ingresso di cibo e di altri beni di prima necessità come l’acqua nella regione, impedendo non solo la distribuzione del cibo ma anche chiudendo fattorie, panifici e altre fonti alimentari. Questo blocco, mantenuto da Israele per oltre due mesi, ha fatto sì che praticamente ogni nucleo familiare di Gaza saltasse almeno un pasto al giorno, con alcuni che passavano giorni interi senza mangiare e molti adulti che soffrivano la fame pur di permettere ai bambini di avere del cibo.

Il rapporto è stato preparato dall’IPC, che è finanziato da una serie di organizzazioni globali come l’ONU e l’UE, nonché da gruppi umanitari come Save the Children e Oxfam. Gli autori del rapporto chiedono un’immediata “cessazione delle ostilità” al fine di ripristinare percorsi e servizi di aiuto umanitario come acqua, elettricità, assistenza sanitaria, telecomunicazioni e altri bisogni critici.

“Le cifre scioccanti di oggi che descrivono gli alti livelli di fame a Gaza sono una conseguenza diretta, dannosa e prevedibile delle scelte politiche di Israele – e del sostegno incondizionato e dell’approccio diplomatico del presidente Biden”, ha detto in una conferenza stampa Abby Maxman, presidente e amministratore delegato di Oxfam America.

“L’amministrazione Biden deve usare tutta la sua influenza per raggiungere un cessate il fuoco immediato per fermare lo spargimento di sangue, consentire il ritorno sicuro degli ostaggi in Israele e consentire l’ingresso di aiuti e beni commerciali, in modo da poter salvare vite umane ora”, ha continuato Maxman. “Gli Stati Uniti non possono continuare a restare a guardare e permettere che i palestinesi muoiano di fame”.

Il rapporto conferma quanto riscontrato da Human Rights Watch all’inizio di questa settimana, secondo cui Israele sta usando la fame come “arma da guerra”. Usare la fame come metodo di guerra è un crimine di guerra.

Il rapporto rileva che Israele sta bloccando l’importazione della stragrande maggioranza dei prodotti alimentari e sta distruggendo i panifici e tutti i mulini di grano di Gaza. Il blocco dell’acqua ha reso l’agricoltura “quasi impossibile”, con molti capi di bestiame che muoiono di fame e raccolti non irrigati – e, inoltre, Israele ha deliberatamente raso al suolo terreni e strutture agricole, inclusi frutteti, serre e terreni agricoli, sottolinea il rapporto.

Fonte 

News dal Network

Promo