Non buttate i mozziconi! In Slovacchia diventeranno asfalto per strade

138 Visite

 Bratislava non butta via nulla, neppure i mozziconi di sigaretta, i filtri dei vaporizzatori e delle Icos. Una scelta che proietterà la Slovacchia tra i campioni del riciclo ‘creativo’, specie dopo la recente inaugurazione, nella città di Žiar nad Hronom (Slovacchia centrale) della prima strada al mondo interamente asfaltata con materiali provenienti dalla lavorazione degli scarti del fumo.

Filtri e mozziconi sono notoriamente tra gli agenti più inquinanti del Pianeta proprio perché difficilmente biodegradabili e perché contengono sostanze come, tra le altre, i polimeri plastici, benzene e ammoniaca che impattano fortemente sull’ambiente e sull’acqua. Ma nella Capitale slovacca Olo, la municipale che gestisce i rifiuti, ha annunciato che da quest’anno inizierà a raccogliere i mozziconi di sigaretta in speciali contenitori, in occasione di manifestazioni pubbliche cittadine e altri eventi a grande affluenza. 

Intende infatti contribuire agli sforzi delle due aziende locali – Spak-Eko ed Eco Butt –  che sono attivamente impegnate nella trasformazione di questo materiale di scarto in asfalto per le strade.

Si tratta di un modo decisamente creativo per trattare uno dei rifiuti più tossici per il Pianeta: secondo dati aggiornati di MareVivo, annualmente vi vengono gettati almeno 4,5 trilioni di mozziconi (perché solo una minima parte di questi è smaltita correttamente).

“Se i visitatori di un festival, di una corsa, di un mercato o di un altro evento urbano gettano i mozziconi di sigaretta nel nostro contenitore speciale, contribuiranno non solo a un ambiente più pulito, ma anche al recupero materiale di questo tipo di rifiuti” ha sottolineato Martina ?echová, responsabile per l’economia circolare della municipale Olo e citata dalla testata The Slovak Spectator.

La campagna del 2024 dell’azienda municipale che punta a coinvolgere sempre più cittadini nel recupero degli scarti da fumo. Le due aziende in prima fila nel trasformarli assicurano che dai filtri si possono ricavare, se opportunamente trasformati, fibre speciali, da utilizzare come additivo nella preparazione dell’asfalto per il manto stradale. Eco-Butt è stata la prima – a quanto pare nel mondo – a trasformare il sogno di sbarazzarsi degli odiosi mozziconi in realtà, costruendo la sua strada apripista. La prossima tappa, per l’azienda, sarà utilizzare gli scarti da fumo per asfaltare anche le strade della Capitale.

Stando alle statistiche, il mozzicone è il rifiuto più presente in mare, in spiaggia, ma anche nei boschi e nelle aree verdi urbane. Sono in tanti ad aver cercato una strada per trasformare questo rifiuto odioso in qualcosa di più utile, meno inquinante ed esteticamente sopportabile. Dopo tanti esperimenti in questo campo, la “strada” intrapresa da Bratislava sembra una delle più promettenti. 

agi

News dal Network

Promo